Il Mito per l'uomo contemporaneo e per l'uomo arcaico - Pensiero Critico

Cerca nel sito
Privacy Policy
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Mito per l'uomo contemporaneo e per l'uomo arcaico

Teorie > Concetti > Linguaggio
Puoi condividere questa pagina:
Il punto chiave

Noi stessi, che viviamo in una cultura che ha sviluppato certi settori della razionalità come la filosofia e come la scienza, viviamo altrettanto impregnati di miti, altrettanto impregnati di magia, ma di un altro tipo, di un altro genere. (Edgar Morin)

altan
Miti originari e miti contemporanei

I miti dell'uomo contemporaneo hanno un'essenza molto diversa da quelli dell'uomo arcaico. Come aveva argomentato nel 1957 il semiologo Roland Barthes (Miti d'oggi - Einaudi), il mito, per l'uomo contemporaneo, non è che una 'parola', vale a dire solo un sistema di comunicazione. Scriveva Barthes (p.191):

Tutto dunque può essere mito? Sì, a mio avviso, perchè l'universo è infinitamente suggestivo. Ogni oggetto del mondo può passare da un'esistenza chiusa, muta, ad uno stato orale, aperto all'approvazione della società, perchè non c'è alcuna legge, naturale o no, a impedire che si parli delle cose.

Ecco perchè in un'epoca dominata dalla scienza, dalla tecnologia, dall'economia e dalla finanza, 'parole' provenienti dal lessico di quelle discipline possono rivestirsi di un'aura mitica ed entrare a far parte del lessico quotidiano svuotate del loro significato specifico e utili solo a riempire le più vuote conversazioni nei nostri salotti o in quelli televisivi.


Di queste parole di plastica ha scritto il linguista Uwe Pörksen, evidenziando la degenerazione del linguaggio nelle società industrializzate della seconda metà del Novecento.


L'esigenza che ha spinto l'uomo arcaico a creare il mito originario, vale a dire quella di dare un senso al proprio mondo, non è morta nell'uomo contemporaneo ma si esprime in forme nuove, molto diverse da quelle del mito originario.

Origine del Mito

Secondo il grecista Walter Friedrich Otto (Il Mito - Il Melangolo editore) il mito è l'esperienza originaria, la cui natura inconscia fa sì che sia ancora presente nell'uomo moderno. Scrive Otto (p.33):

Come mito vero e proprio, vale a dire non semplicemente celato nell'inconscio, esso non è altro che esperienza originaria rivelatasi, grazie alla quale è possibile anche il pensare razionale. Per questo il mito non è svanito completamente neppure per noi. Resta però del tutto inconscio, non emerge rivelandosi, è come se non fosse affatto. Le popolazioni primitive si distinguono da noi perchè il mito si rivela loro con tutta la sua verità originaria, ed esse ne attingono completamente la loro esistenza. Per questo non sono abili e accorte come noi, che abbiamo respinto il mito nell'inconscio con il pensiero razionale.


Lo psicoanalista Carl Gustav Jung aveva messo in luce la natura inconscia dei miti asserendo che gli dèi sono diventati malattie (Opere, 8, p.4):

Crediamo di poterci congratulare con noi stessi per aver già raggiunto una tale vetta di chiarezza, convinti come siamo di esserci lasciati alle spalle tutte queste divinità fantasmatiche. Ma quelli che ci siamo lasciati alle spalle sono solo spettri verbali, e non i fatti psichici che furono responsabili della nascita degli dèi. Noi continuiamo a essere posseduti da contenuti psichici autonomi come se essi fossero davvero dèi dell'Olimpo. Solo che oggi si chiamano fobìe, ossessioni, e così via. Insomma, sintomi nevrotici. Gli dèi sono diventati malattie.

Mimmo Jodice
Volto virile da Ercolano - 1993 Mimmo Jodice
Il linguaggio è nato dal 'rumore' del mito

Il linguaggio è un ritmo, un rumore,  ripetuto e trasformante che aspira a congiungere l'uomo con un mondo intelligibile, dotato di senso. L'uomo, parlando, inconsciamente crea questo mondo, il suo mondo, e lo trasmette alle generazioni successive. Così Walter F. Otto descrive il rapporto tra mito e linguaggio (p.114):

Il linguaggio, nelle sue componenti originarie, è dunque assolutamente mitico, e testimonia la verità delle parole attribuite al filosofo Talete: 'tutto è pieno di dèi'. Linguaggio e mito non vanno allora separati. [...] L'importanza di ciò per il fenomeno della lingua nella sua totalità è facilmente intuibile. Un aspetto in particolare: i Greci, che erano ben lontani dal ritenere il poeta o il cantore un creatore – mentre noi vi siamo abituati da due secoli e mezzo -, sapevano che è la Musa a cantare e a parlare, e che il poeta è invece colui che ascolta e che rende in suoni, con la propria voce, quanto il suo orecchio interiore ha percepito. E' quanto dimostrano già i versi iniziali dell'Iliade e dell'Odissea. Questo vale poi per il linguaggio stesso, che non scaturisce da nessun Io, o dal suo bisogno di esprimersi, ma dal ritmo divino di ogni cosa nel suo farsi incontro all'essere superiore dell'uomo, affine al divino. Se esso è originariamente un rivolgersi, allora non è un rivolgersi ad un altro uomo, ma un dialogo del superiore essere dell'uomo con il divino del mondo.


Otto intuisce che la finalità del linguaggio non è la comunicazione (p.42):

Nella sua originalità e purezza, il linguaggio non è affatto un 'mezzo' per comunicare qualcosa. Esso stesso è la verità del mito. Più esattamente: esso non è altro che la forma rivelata in parola della verità (mitica) (esso non interpreta il mito, né tenta di esprimerlo, ma è il mito).

In questa frase di Otto c'è un'intuizione che verrà confermata più tardi da studi antropologici, linguistici e neuroscientifici, vale a dire l'intuizione che lo scopo del linguaggio non è quello di comunicare qualcosa, quanto quello di abilitare un pensiero simbolico utile alla sopravvivenza. Non tutto ciò che è arrivato fino a noi dal passato è mito: anche i popoli primitivi distinguevano tra i loro miti e le loro narrazioni. La differenza, secondo Walter F. Otto, è che ogni 'mito originario' è una potenza che si manifesta nei comportamenti umani, in passato in modo consapevole, oggi soprattutto inconscio. Il mito precede il culto, inteso come risposta fisica al mito. Come scrive Walter F. Otto (p.38):

Non soltanto il culto è impensabile senza il mito, ma il mito genuino non è mai senza culto, 'azione': è nella sua essenza pretendere il culto. Con culto intendo in senso ampio (e profondo) lo specifico comportamento fisico e spirituale con cui l'uomo risponde immediatamente al mito. Oppure, ancora meglio: lo specifico comportamento dell'uomo in cui il mito, nell'uomo stesso, diviene forma. E' una scala che va dal semplice congiungere le mani fino alla ripetizione ed alla rappresentazione drammatica dell'evento originario che si è annunciato nel mito. Dico appositamente 'ripetizione' e non imitazione poiché le azioni cultuali più o meno drammatiche non sono affatto una libera imitazione, un richiamare alla memoria, ma sono sempre l'evento originario stesso. Da qui la ferma convinzione che ne derivassero le medesime salvifiche conseguenze proprie anche dell'evento mitico della preistoria.

Medea di Pasolini: un viaggio nel mito
Nel film "Medea", Pier Paolo Pasolini mostra efficacemente il passaggio dal mito arcaico al mito contemporaneo: "Quando la natura ti sembrerà naturale, tutto sarà finito, e comincerà qualcos'altro". Pasolini, nel film "Medea" descrive il rapporto, sempre irrisolto, che esiste tra mondo arcaico (irrazionale) e mondo moderno (razionale). Così egli scrive in "Le regole di un'illusione":

Medea è l'eroina di un mondo sottoproletario, arcaico, religioso. Giasone è invece l'eroe di un mondo razionale, laico, moderno. E il loro amore rappresenta il conflitto tra questi due mondi. E' una mia vecchia polemica: il centro della civiltà piccolo-borghese è la ragione, mentre tutto ciò che è irrazionale, per esempio l'arte, contesta la ragione borghese. Il potere, infatti si fonda sulla ragione.
Concezione cosmogonica dell'uomo arcaico
figure del mito
Lo schema, elaborato dall’antropologo Mario Lunghi, mostra il rapporto fra collocazione sociale dell’uomo primitivo e concezione cosmogonica.   Il sacerdote e lo sciamano sono le figure in stretto rapporto con la potenza del “mana”, che emana direttamente dall’Essere Supremo e viene trasmessa all’uomo attraverso il rapporto con gli antenati e gli spiriti della natura.   L’artista ha una funzione sacra, poiché è l’interprete del sentimento religioso della comunità.   Ha quindi rilevanza sociale e la sua arte non è semplice creazione individuale, come nella nostra cultura, ma deve rientrare in schemi interpretativi ben comprensibili da tutti, per “rendere visibile l’invisibile”, ossia rappresentare una realtà mitica condivisa dalla comunità. Il “mana” non è soltanto eros, vitalità, ma anche una forza misteriosa, che può essere trasmessa per contatto anche tramite oggetti o attraverso evocazioni rituali. La “magia” invece è la forza che tiene unite le cose, l’energia invisibile del mondo fisico che può essere dominata da alcuni uomini straordinari (stregoni) e finalizzata a vantaggi di parte o a malefìci. Lo sciamano infine è un individuo in grado di compiere i “voli estatici” nel mondo degli spiriti e della natura, per conoscerne i segreti.   (questo brano è tratto dall'introduzione al pensiero del mito cui Gianmario Lucini ha dedicato una pagina che consiglio di leggere: cliccare sull'immagine)
L'antropologo Claude Lévi Strauss in Amazzonia nel 1934
antropologia
Cliccare sull'immagine per andare a una recensione di "Tristi Tropici"
Uomo della tribù Nambikwara
antropologia
Cliccare sull'immagine per approfondire
Origine dei comportamenti di passività e sottomissione sia dell'uomo arcaico che dell'uomo contemporaneo


Lo psicoanalista Elvio Fachinelli, nel suo libro 'La freccia ferma', chiarisce l'origine dei rapporti tra mito e rito (culto) e l'importanza di questi per la sopravvivenza del gruppo (tribù, famiglia, ecc.). Le principali relazioni tra mito e rito, tratte dal libro citato, sono riportate nella mappa concettuale sottoriportata. Fachinelli riporta inoltre un illuminante esempio (tratto da 'Tristi Tropici' di C.Lévi Strauss - p.280), riguardante l'importanza attribuita dall' 'uomo arcaico' al capo del gruppo, che ci fa comprendere come mai anche 'l'uomo moderno', spesso,  indulge in comportamenti di passività e sottomissione (pp.74-75):

Un gruppo che è colpito globalmente, 'nella sua sostanza', 'nel principio stesso della sua vita', quando muore un suo membro importante, e quindi tanto più gravemente quanto più importante è la persona morta, è indubbiamente un gruppo che dipende profondamente da questa persona. Si tratti del capo o re di tutta la tribù, di un membro del consiglio degli anziani, oppure più semplicemente del padre di famiglia, questa situazione implica il riferirsi a lui, da parte del gruppo dipendente, non soltanto come un termine fisso di autorità, potere, prestigio, ma anche come a un 'garante diretto della propria precaria sopravvivenza'. Ecco un esempio particolarmente incisivo. 'Verso sera bisognò fermarsi nella boscaglia; ci avevano detto che avremmo trovato della selvaggina, perciò gli indigeni contavano sulle nostre carabine e non avevano portato niente; e noi possedevamo soltanto le provviste d'emergenza che era impossibile dividere fra tutti. Un branco di cerbiatti che passava presso una sorgente fuggì al nostro avvicinarsi. L'indomani mattina regnava un malcontento generale, diretto ostensibilmente verso il capo, ritenuto responsabile di un affare combinato fra lui e me. Invece di organizzare una spedizione di caccia o di raccolta, tutti decisero di coricarsi all'ombra dei ripari, lasciando che il capo cercasse da solo la soluzione del problema. Egli sparì accompagnato da una delle sue donne; verso sera furono visti tornare tutti e due con la pesante gerla piena di cavallette che avevano raccolto durante l'intera giornata. Benchè il pasticcio di cavallette non sia un piatto molto apprezzato, tutti mangiarono con appetito e ritrovarono il buonumore.' Sicchè il narratore può concludere: 'A parte uno o due uomini senza reale autorità, ma pronti a collaborare dietro ricompensa, la passività della banda [Nambikwara] fa un singolare contrasto col dinamismo del suo capo. Si direbbe che essa, avendogli ceduto certi vantaggi, si aspetti da lui la cura totale dei suoi interessi e della sua sicurezza.'

Mappa concettuale delle relazioni tra Mito, Rito e Gruppo sia nell'Uomo arcaico che nell'Uomo moderno
Mappa concettuale
Mappa concettuale parziale elaborata con i concetti espressi da Elvio Fachinelli nel libro 'La freccia ferma' - Adelphi
I luoghi mitici di Cesare Pavese
Tutti i luoghi, nelle Langhe, che ispirarono la poetica di Cesare Pavese
Alcuni miti del nostro tempo nella Pop Art di Andy Warhol
Andy Warhol
Cesare Pavese alle radici del mito

Cesare Pavese, in altro periodo e contesto (nel 1946 nel libro 'Feria d'agosto'), è riuscito a rendere questi concetti efficacemente e poeticamente (pp.150-151):

Il mito è insomma una norma, lo schema di un fatto avvenuto una volta per tutte, e trae il suo valore da questa unicità assoluta che lo solleva fuori dal tempo e lo consacra rivelazione. Per questo esso avviene sempre alle origini, come nell'infanzia: è fuori del tempo. Un uomo apparso un giorno, chi sa quando, sulle tue colline, che avesse chiesto dei salici e intrecciato un cavagno e poi fosse sparito, sarebbe il più genuino e più semplice eroe incivilitore. Mitica sarebbe questa rivelazione di un'arte, quando quel gesto fosse, beninteso, di un'unicità assoluta, non avesse presente e non avesse passato, ma assurgesse a una sacrale eternità che fosse paradigma a ogni intrecciatore di salici. E un'aia tra tutte, dov'egli si fosse seduto, sarebbe santuario […] L'aia del mio eroe dev'essere tutte le aie: e su ognuna di esse il credente assiste al ricelebrarsi della rivelazione.


Miti contemporanei

Come abbiamo visto in questa pagina, il mito originario risponde a una pressante esigenza umana: quella di attribuire un senso alla propria esistenza col ricorso a narrazioni in grado di dar forma al caos. La 'richiesta di senso' nella società odierna fa sì che essa sia assediata da personaggi, fenomeni, eventi che vengono chiamati impropriamente mitici. Per capire il processo di costruzione dei miti contemporanei consigliamo di leggere il libro (scaricabile gratuitamente) dello scrittore Michele Cogo 'Fenomenologia di Umberto Eco - Indagine sulle origini di un mito intellettuale contemporaneo', libro che descrive la costruzione di Eco quale 'eroe culturale'' per la sua carica innovativa e dissacratoria nell'analisi della società italiana. Ecco una breve definizione della differenza tra mito originario e mito contemporaneo tratta dal libro di Cogo (p.65):

Il mito è un fenomeno che si è verificato su scala globale nell'antichità, un linguaggio simbolico attraverso cui l'uomo crea una struttura interpretativa e un ordine al mondo dal punto di vista cosmologico, sociale, nonchè politico e materiale. Per cui è importante un approccio storico al fenomeno del mito, per collocarlo in un contesto storico-culturale di una certa fase della storia dell'umanità e per capire che ogni utilizzo contemporaneo del termine 'mito' non ha - e non può avere - lo stesso significato originario.

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

La razionalità richiede impegno personale!
Iscriviti alla Newsletter di pensierocritico.eu per ricevere in anteprima nuovi contenuti e aggiornamenti:
Bibliografia (chi fa delle buone letture è meno manipolabile)



Scrivi, se non sei d'accordo
Se ritenete che le tesi del "punto chiave" non vengano sufficientemente supportate dagli argomenti presenti in questa pagina potete esprimere il vostro parere (motivandolo).
Inviate una email con il FORM. Riceverete una risposta. Grazie della collaborazione.
Libri consigliati
a chi vuole approfondire l'origine dei miti arcaici
Fachinelli
Walter Otto
Cosa si può fare per diventare "pensatori critici"
E' stato ampiamente dimostrato negli ultimi 30-40 anni da parecchi psicologi tra i quali Amos Tversky, Daniel Kahneman, Gerd Gigerenzer e altri, che l'essere umano crede di essere razionale ma non lo è. Quando un individuo si trova a prendere decisioni in condizioni di incertezza il più delle volte usa un "pensiero intuitivo" facendo ricorso alle euristiche, cioè a scorciatoie mentali maturate nel corso dell'evoluzione. Nella maggior parte delle situazioni della vita quotidiana le decisioni euristiche si rivelano giuste ma in situazioni più complesse, apparse solo con la modernità, le euristiche portano a distorsioni del giudizio (bias) che danno luogo a decisioni errate.
Secondo Daniel Kahneman (pp.464-465 di Pensieri lenti e veloci - Mondadori) il nostro pensiero intuitivo non è facilmente educabile e ostacola il riconoscimento dei segnali ambientali che in certi casi renderebbero necessario il passaggio a un pensiero razionale e critico. Un osservatore esterno è sempre meno coinvolto emotivamente di colui che prende decisioni e compie azioni. Occorre quindi impegnarsi a costruire una "società critica", nella quale ci siano "osservatori critici" che sappiano avvertirci dei pericoli insiti in certe situazioni decisionali. Questo è un compito primario delle Istituzioni che devono investire in programmi di formazione al "pensiero critico" degli educatori scolastici. A livello individuale, ecco alcune attività perseguibili:

  1. Atteggiamento critico: sforzarsi di assumere un atteggiamento critico contrastando la tendenza umana innata di saltare subito alle conclusioni e prendere decisioni impulsive. Per approfondire andare alla pagina: Atteggiamento critico 
  2. Lettura: diversi studi confermano che l'attività di lettura migliora l'attività del cervello contrastando i deficit cognitivi e l'invecchiamento cerebrale. Per approfondire andare alla pagina: Lettura e Cervello. Inoltre, il  miglioramento cerebrale viene potenziato dalla lettura critica dei testi (non narrativi). 
  3. Apprendimento linguistico: recenti studi hanno confermato che imparare lingue diverse dalla propria (anche in età avanzata) migliora il rendimento cerebrale. Per approfondire andare alla pagina: Bilinguismo e incremento cognitivo

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Pagina aggiornata il 24 dicembre 2015

 
copyright 2012-2017 Licenza Creative Commons
I contenuti di pensierocritico.eu sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Protected by Copyscape
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu