Incitamento all'odio (Hate Speech) sul Web - Pensiero Critico

Cerca nel sito
Privacy Policy
Vai ai contenuti

Menu principale:

Incitamento all'odio (Hate Speech) sul Web

Teorie > Concetti > Ecosistema Mediatico
Puoi condividere questa pagina:
Il punto chiave

L'incitamento all'odio (hate speech) è una categoria della giurisprudenza USA (e da pochi anni anche di quella europea) che indica un genere di parole e discorsi che hanno lo scopo di esprimere odio e intolleranza verso una persona o un gruppo (razziale, etnico, religioso, di genere o orientamento sessuale).

-

Il negazionismo, l'odio politico, l'apologia di regimi, la discriminazione etnica o basata sulle abitudini sessuali, l'odio religioso e razziale, l'attacco al diverso in ogni sua accezione, la propaganda terroristica sono i temi che vengono affrontati e che variano a seconda della tradizione del paese che legifera. (Giovanni Ziccardi)

Razzismo
Non bisogna permettere che la libertà di espressione venga degradata dalla possibilità di esprimere discorsi di incitamento all'odio. Così come un pugno può rompere un naso, un discorso d'odio può danneggiare l'autostima delle persone alle quali è rivolto e innescare comportamenti violenti nei loro confronti.
Cose orribili
I thought horrible things!
Do it now, to get something off your chest.
L'odio è un diritto? Quali limiti pongono le leggi?

L'odio online (Hate Speech) è in crescita in tutta Europa e sfrutta il web appellandosi alla libertà d'espressione (art.10 della Convenzione Europea dei diritti dell'uomo), ma rifiutando il divieto di discriminazione (art.14 della stessa Convenzione). Nel corso delle Elezioni Europee del 25 maggio 2014, l'Associazione ENAR (European Network Against Racism) ha monitorato le dichiarazioni discriminatorie segnalate dai cittadini: su 30 episodi segnalati di discorsi d'odio contro le minoranze, i due terzi (21 segnalazioni) riguardavano l'incitamento implicito all'odio, pregiudizi o discriminazioni. I candidati, o altri politici non candidati, hanno attaccato migranti, stranieri e richiedenti asilo (da 5 a 10 volte), persone LGBTI (Lesbian, Gay, Bisexual, Transgender e Intersexual) (3 volte su 10), musulmani (2 su 10). Un incidente in Ungheria indirizzato sia a LGBTI che a migranti, e uno in Svezia che ha implicitamente preso di mira i Rom. Il report completo è scaricabile qui. L'Italia si è distinta per il maggior numero di dichiarazioni discriminatorie (verso migranti, richiedenti asilo e musulmani), prevalentemente sulle pagine facebook dei candidati o in interviste alla TV. Questo è frutto di strategie elettorali che creano confusione sulla differenza tra clandestini e rifugiati politici: il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo riconosciuti dalla nostra Costituzione. L’articolo 10, terzo comma, della Costituzione prevede, infatti, che lo straniero, al quale sia impedito nel suo Paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto di asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge.


Il giurista Giovanni Ziccardi ha chiarito, nel suo ultimo libro "L'odio online - Violenza verbale e ossessioni in rete", la differenza tra free speech e hate speech nella giurisprudenza statunitense e in quella europea (ved. bibliografia R.A.Khan 2013). Tale differenza ha lo scopo di non soffocare il dibattito tra cittadini e garantire pluralismo e democrazia. Egli scrive (p.12):


Negli Stati Uniti d'America le espressioni d'odio sono protette per quanto riguarda la difesa da interventi legislativi, dal Primo emendamento della Costituzione federale. [...] Tale tutela non è considerata applicabile al settore privato, ma solo all'azione censoria del governo. [...] I grandi operatori online sui quali circolano i discorsi d'odio - Facebook, Twitter, WhatsApp, reddit, Google - potrebbero adottare politiche censorie dei contenuti senza incorrere nella violazione dei principi costituzionali.

Il tema delle espressioni d'odio ha, nel contempo, guadagnato rilevanza in Europa, con una prospettiva di analisi che gli studiosi definiscono contrapposta a quella nordamericana: ciò che negli Stati Uniti d'America sarebbe permesso, in Europa verrebbe, invece, vietato. L'azione dei legislatori sarebbe inquadrata in un processo di riforma volto a limitare le espressioni d'odio con la convinzione, legata alla tradizione europea, che le stesse non siano elementi utili per la vivacità della società e della democrazia e vadano combattute per tutelare la dignità dell'essere umano.

hate speech
Dichiarazioni discriminatorie (Incidents) nel corso della campagna elettorale delle Elezioni Europee del 25 maggio 2014.
Differenze tra odio online e odio offline

Giovanni Ziccardi esamina le differenze tra odio online e odio tradizionale (offline) raggruppandole in quattro tipologie (pp.78-82):


  1. Permanenza: l'odio online rimane attivo per lunghi periodi di tempo
  2. Possibile Ritorno: l'odio rimosso dal web può facilmente ritornare online sotto diversa forma o titolazione
  3. Anonimato: la possibilità di rimanere anonimi sulla rete dà alle persone la sensazione (errata) di poter evitare conseguenze
  4. Transnazionalità: complica l'individuazione dei meccanismi legali per combattere l'hate speech

Relazione tra Hate Speech e Cyberbullismo
Bullismo
Come contrastare l'odio online

Nel suo libro Giovanni Ziccardi riporta molti esempi e varianti di diffusione dell'odio in rete. Dato che il web è invaso dall'odio indirizzato prevalentemente verso ebrei, afroamericani, omosessuali, ecc, secondo lo storico Raphael Cohen Almagor (ved. bibliografia) l'odio online si configura come un'attività di propaganda volta a supportare attività di organizzazioni offline (pp.81-86). Egli propone l'inutilità di contrastarlo con una contro-propaganda (speech vs speech) e propone invece l'adozione di regolamenti (policy) nelle scuole primarie e secondarie, nelle università e nei luoghi di lavoro che vietino le espressioni d'odio e vengano accettati dagli utenti che verrebbero messi a conoscenza di controlli online e offline. Egli propone anche un'azione sugli algoritmi dei motori di ricerca per filtrare (meglio di quanto avviene adesso) i discorsi d'odio mascherati da fonti storiche. Ad esempio se si fa una ricerca su Google digitando "Martin Luther King" si trova nelle prime pagine il sito www.martinlutherking.org che, dietro la maschera di fonte storica, trasuda odio verso gli afroamericani e promuove una visione razziale che vede la supremazia della razza bianca e altre amenità simili.


Differenze tra odio online e odio offline

Nuove categorie comportamentali connesse all'hate speech, soprattutto riguardanti l'odio ad personam, sono esaminate da Giovanni Ziccardi (pp.186-209). Esse sono:


  1. Cyberbullismo: diffamazione, ingiurie, percosse, lesioni, interferenze illecite nella vita privata di un determinato individuo
  2. Cyberstalking: condotte reiterate volte a determinare un grave stato d'ansia o paura in un determinato individuo
  3. Grooming online: adescamento di minori a fini sessuali
  4. Sexting: invio o ricezione di email, messaggi di testo e altre forme di comunicazione contenenti materiale sessuale
  5. Revenge Porn: pubblicazione online di immagini o video con scene di sesso esplicito riprese nel corso di una normale relazione intima e diffuse senza il consenso del partner

Determinate fazioni politiche usano mass media e social media per fare Hate Speech

Strumenti privilegiati dell'hate speech sono i mass media e i social media, e l'uso che ne fanno determinate fazioni politiche. Ad esempio, negli USA, il Tea Party è ritenuto responsabile del crescente comportamento discriminatorio verso l'immigrazione messicana. In Italia la Lega, in Francia l'UMP di Marine Le Pen, e in Gran Bretagna l'UKIP di Nigel Farage hanno ottenuto un notevole successo elettorale alle Elezioni Europee del 25 maggio 2014 con una serie di messaggi allarmanti sul rischio immigrazione, e fuorvianti sull'integrazione europea. A seguito della crescita dell'Hate Speech in Italia, nel 2013 la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha avviato un'iniziativa (NoHateSpeech) che permette di segnalare episodi di hate speech in rete.

Mappa dei messaggi d'odio (verso disabili, omosessuali e altre etnie) su Twitter negli USA nel 2012-2013
hate speech
La geografia dell'odio è un progetto di Monica Stephens della Humboldt State University che ha identificato le origini geografiche dell'odio verso disabili, omosessuali e altre etnie analizzando, tra giugno 2012 e aprile 2013, più di 150.000 tweets contenenti parole d'odio. Cliccare per andare alla versione interattiva della mappa
Razzismo
A simple click and you can do Racism easily from home
Revenge Porn: una variante del Cyberstalking
hate speech
Spirale del silenzio
pensiero critico
Coloro i quali hanno un'opinione conforme a quella da loro percepita come maggioritaria non hanno remore ad esprimerla perchè immaginano di non rischiare l'isolamento sociale.
(Cliccare per ingrandire)
razzismo
I'm anti-racist: I hate all races.
Razzismo
I discorsi d'odio possono trasformarsi in comportamenti se le circostanze lo permettono, ad esempio allo stadio (insulti ai giocatori neri o alle squadre del sud italia), alle elezioni (voto alle formazioni politiche xenofobe), nelle scuole (con episodi di cyberbullismo), alle manifestazioni di piazza, ecc.
futuro
Hate Speech
Alla ricerca delle cause dei messaggi d'odio

Un'ipotesi sulle cause dell'incitamento all'odio l'ha fatta in Italia il sociologo Davide Bennato commentando il caso dei messaggi indirizzati a Pierluigi Bersani colpito da ictus. Bennato ha sostenuto che i messaggi sono spiegabili con la teoria chiamata spirale del silenzio. Scrive Bennato:

I commentatori violenti hanno espresso apertamente ed in forma non anonima il proprio odio verso Bersani, perché hanno “sentito” nell’aria che la propria opinione era legittima. E’ stata legittimata dalla violenza dei commenti verbali quotidiani, dalla violenza della narrazione giornalistica, dalla violenza di alcuni movimenti politici o di alcune frange di movimenti politici (non solo Grillo….), da alcune trasmissioni televisive. Insomma per questa tipologia di commentatori, esprimere violenza verbalmente non è socialmente sanzionato, anzi è socialmente legittima, poiché hanno la percezione che il mondo intorno a loro sia violento.

Alcuni esperimenti neuroscientifici condotti negli USA da Chon Noriega (ved.bibliografia) hanno dimostrato che l'esposizione a programmi commerciali radiofonici trasmettenti messaggi violenti nei confronti degli immigrati clandestini messicani provocava, negli ascoltatori statunitensi, un aumento dei livelli di stress e ansia misurabili attraverso marcatori quali cortisolo e testosterone presenti nella saliva.

Hate Speech verso Pierluigi Bersani
Pierluigi Bersani

Alcuni Hate Speech della Lega

Lega
"Non sono razzista, chi mi conosce lo sa. Mi sono semplicemente limitata a inoltrare un post trovato sulla rete. Poi mi sono scusata per quel certo livello di offensività che indiscutibilmente c'è". Si difende così Barbara Beggi, la consigliera leghista di Castelfranco Veneto che aveva condiviso (e poi rimosso) sul suo profilo Facebook un post offensivo su Cécile Kienge, neo eletta al Parlamento europeo.
Lega
Lega
L’assessore della Lega Nord a Coccaglio (BS) Agostino Pedrali ha condiviso sul proprio profilo di Facebook un’immagine contro il Ministro dell’Integrazione, riprendendo la recente affermazione di Roberto Calderoli sulla somiglianza tra la donna ed un orango.
Lega
Matteo Salvini e Marine Le Pen. Parte “l’alleanza per le identità”, il fronte anti euro, per fermare l’immigrazione di massa e per la difesa dei popoli.
Lega
Giancarlo Gentilini, vicesindaco di Treviso e candidato sindaco di Lega Nord e Popolo delle Libertà alle prossime comunali (2013) è stato condannato per istigazione all'odio razziale dalla Corte D'Appello di Venezia. I giudici hanno nella sostanza confermato la sentenza di prima grado, inflittagli per un suo intervento contro nomadi, musulmani e immigrati alla “Festa dei popoli padani”, un raduno leghista che si tenne a Venezia nel 2008.
Lega
"Immigrati? Föra da i ball", dice Umberto Bossi parlando della crisi a Lampedusa, ovvero i clandestini vanno rimpatriati
Lega
Mario Borghezio della Lega Nord che riferendosi sempre al Ministro Kyenge ha parlato di un “governo del bonga bonga“ oltre ad aver appiccato il fuoco sotto i pagliericci sui quali alcuni immigrati stavano dormendo sotto un ponte a Torino (reato per il quale è stato condannato in via definitiva)
Lega
Il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli della Lega Nord ha invitato i mussulmani a “tornare giù nel deserto a parlare con i cammelli o nella giungla con le scimmie“ e ha paragonato il Ministro Kyenge ad un orango

Alcuni Hate Speech del M5S

M5S
Il deputato M5S Massimo De Rosa ha insultato alcune deputate PD in Parlamento, con grande rilievo mediatico che ha consentito un'escalation di messaggi d'odio nei confronti di tutte le deputate, e larvatamente nei confronti di tutte le donne, ritenute abili a far carriera facendo pompini.
hate speech pompini
M5S
Il deputato M5S Claudio Messora ha insultato, utilizzando argomenti sessisti sempre molto apprezzati dai mass media, la presidente della Camera Laura Boldrini. Così, anche se nel caso specifico (applicazione della tagliola per l'approvazione di un provvedimento economicamente scandaloso) avrebbe potuto avere ragione, si è posto dalla parte del torto diffondendo in rete un messaggio di incitamento all'odio.
M5S: A MIRANDOLA VI MERITATE IL TERREMOTO
M5S
Mirandola, attivisti grillini scatenati sul web: "Vi meritate il terremoto" Alcuni attivisti hanno postato online un curioso messaggio che taccia i mirandolesi di irriconoscenza: “Domenica si è votato anche a Mirandola in provincia di Modena. Uno dei comuni colpiti dal sisma a cui il Movimento aveva donato 425.000 euro risparmiati dalla campagna elettorale per ricostruire una scuola distrutta dal terremoto. Su altri post si legge anche: “Facciamoci restituire il denaro! Cialtroni arraffoni!”, “Meritate di essere presi a sberle”, “Giuda, sudici”, “Io andrei a riprenderli quei soldi...tenetevi le case inagibili” e un altra litania di sciocchezze in ordine sparso.

Hate Speech vario...

napoletani
Da «morirete come scarafaggi» a «terremoto pensaci tu». Sono soltanto alcune delle offese, dei macabri auguri di morte e degli insulti che razzisti e “xenofobi da tastiera” hanno pubblicato in rete, dopo il sisma che ha colpito ieri sera Campania e Molise.
napoletani
Bologna-Napoli: cori razzisti "Lavali col fuoco, Vesuvio lavali col fuoco"
Hate speech nei confronti dei bambini autistici o delle persone obese
autistici
Ricerche Google: gli stessi suggerimenti di ricerca (die) sono ancora proposti per le ricerche che cominciano con autistic children should (“i bambini autistici dovrebbero”) o anche fat people should (“le persone grasse dovrebbero”).
zingari
A fare da apripista è stato “Tuttiicriminidegliimmigrati.com”, un sito che raccoglie gravi fatti di cronaca, ma solo se hanno come protagonisti cittadini stranieri, migranti, rom e sinti. Il tutto condito da slogan e titoli di stampo razzista: “Integrazione: aiuti l’immigrato e poi muori”
Bibliografia (chi fa buone letture è meno manipolabile)


Libri consigliati a chi vuole capire quali provvedimenti legali si possono attuare contro i messaggi d'odio online
 
Giovanni Ziccardi
Commenti
Se ritenete che le tesi del "punto chiave" non vengano sufficientemente supportate dagli argomenti presenti in questa pagina potete esprimere il vostro parere (motivandolo).
Inviate una email con il FORM. Riceverete una risposta. Grazie della collaborazione.
Cosa si può fare per diventare "pensatori critici"
E' stato ampiamente dimostrato negli ultimi 30-40 anni da parecchi psicologi tra i quali Amos Tversky, Daniel Kahneman, Gerd Gigerenzer e altri, che l'essere umano crede di essere razionale ma non lo è. Quando un individuo si trova a prendere decisioni in condizioni di incertezza il più delle volte usa un "pensiero intuitivo" facendo ricorso alle euristiche, cioè a scorciatoie mentali maturate nel corso dell'evoluzione. Nella maggior parte delle situazioni della vita quotidiana le decisioni euristiche si rivelano giuste ma in situazioni più complesse, apparse solo con la modernità, le euristiche portano a distorsioni del giudizio (bias) che danno luogo a decisioni errate.
Secondo Daniel Kahneman (pp.464-465 di Pensieri lenti e veloci - Mondadori) il nostro pensiero intuitivo non è facilmente educabile e ostacola il riconoscimento dei segnali ambientali che in certi casi renderebbero necessario il passaggio a un pensiero razionale e critico. Un osservatore esterno è sempre meno coinvolto emotivamente di colui che prende decisioni e compie azioni. Occorre quindi impegnarsi a costruire una "società critica", nella quale ci siano "osservatori critici" che sappiano avvertirci dei pericoli insiti in certe situazioni decisionali. Questo è un compito primario delle Istituzioni che devono investire in programmi di formazione al "pensiero critico" degli educatori scolastici. A livello individuale, ecco alcune attività perseguibili:

  1. Atteggiamento critico: sforzarsi di assumere un atteggiamento critico contrastando la tendenza umana innata di saltare subito alle conclusioni e prendere decisioni impulsive. Per approfondire andare alla pagina: Atteggiamento critico 
  2. Lettura: diversi studi confermano che l'attività di lettura migliora l'attività del cervello contrastando i deficit cognitivi e l'invecchiamento cerebrale. Per approfondire andare alla pagina: Lettura e Cervello
  3. Apprendimento linguistico: recenti studi hanno confermato che imparare lingue diverse dalla propria (anche in età avanzata) migliora il rendimento cerebrale. Per approfondire andare alla pagina: Bilinguismo e incremento cognitivo

____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Pagina aggiornata il 21 aprile 2016

 
copyright 2012-2016 Licenza Creative Commons
I contenuti di pensierocritico.eu sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu