Virus e batteri costituiscono il corpo umano dalla creazione dell'Universo. Il Microbiota influenza anche gli stati comportamentali ed emozionali, mentre la sua componente genetica (microbioma) compone il 99% dell'intero DNA e proviene da Batteri - Pensiero Critico

Brain
brain
europa
critic
Coloro cui sfugge completamente l'idea che
è possibile aver torto non possono imparare nulla,
tranne la tecnica. (Gregory Bateson)
Vai ai contenuti

Virus e batteri costituiscono il corpo umano dalla creazione dell'Universo. Il Microbiota influenza anche gli stati comportamentali ed emozionali, mentre la sua componente genetica (microbioma) compone il 99% dell'intero DNA e proviene da Batteri

TEORIE > CONCETTI > RESILIENZA
Puoi condividere questa pagina:
Il punto chiave
Ciò che ci rende umani è, secondo me, la combinazione del nostro DNA, più il DNA dei nostri microbi intestinali. (Sarkis Mazmanian)
_
Sei più microbo di quanto sei umano. (Robert Knight)
_
Il nostro è il secolo della biologia, perchè la biologia, come potrebbe dire Husserl, è la scienza delle decisioni ultime ed è insieme il luogo ambiguo dell'umano e della sua verità. (Carlo Sini)
_
Il microbiota è in continua interazione con le attività di tutti gli organi: non fa eccezione il cervello, di cui risulta un potente modulatore dell’attività fisiologica e dunque in grado di influenzare gli stati comportamentali ed emozionali. Le evidenze fornite dallo studio del microbioma (il genoma di tutto il microbiota) ne mettono in luce un ruolo centrale nel regolare lo svolgimento dei tre processi che impieghiamo normalmente per definire l’identità biologica dell’individuo: il sistema immunitario capace di discriminare tra il sé e il non-sé a livelli di raffinata precisione molecolare.
(Manuela Monti, Carlo Alberto Redi)

_

La composizione del microbioma è in gran parte associata a fattori quali la dieta, lo stile di vita, l’uso di farmaci e altri aspetti di biografia personale. (Manuela Monti, Carlo Alberto Redi)

_

Negli ultimi 50 anni abbiamo svolto un lavoro formidabile nell'eliminazione delle malattie infettive. Ma abbiamo visto un enorme e terrificante aumento delle malattie autoimmuni e delle allergie. (Ruth Ley)
_
Il microbioma rappresenta il genoma di tutti i microrganismi che vivono in simbiosi con l'uomo. Si ritiene che, a fronte di circa 21mila geni umani, il nostro corpo contenga più di un milione di geni batterici. (Fabio Piccini)
cina
Chinese virus: cherry on shit.
Noi siamo il nostro microbioma
batteri
Cliccare per ingrandire
Di cosa è fatto l'essere umano?
L'epidemia di coronavirus ha ricordato a tutto il mondo che l'essere umano è un essere, principalmente, "biologico". Ma quando un essere può dirsi umano? La scienza è ormai in grado di dirlo con certezza: il biologo Carlo Alberto Redi e il filosofo Carlo Sini nel libro "Lo specchio di Dioniso. Quando un corpo può dirsi umano?", scrivono (p.32):

Le conoscenze biologiche permettono di stabilire in modo non ambiguo che l'inizio ontogenetico del processo materio-energetico che origina ed identifica un nuovo individuo coincide con il momento in cui si realizza la formazione della prima copia geneticamente attiva del suo genoma.

Secondo questa prospettiva "un essere può dirsi umano quando si forma il suo genoma (DNA)". Sappiamo che l'essere umano è dotato, fin dalla notte dei tempi, di batteri (la maggior parte dei quali dislocati nell'intestino) che costituiscono il suo "microbiota". Il microbiota umano è definito come «l’insieme dei microrganismi che in maniera fisiologica, o talvolta patologica, vivono in simbiosi con il corpo umano». Sappiamo inoltre che il DNA non si trova solo nelle cellule del corpo, ma anche nei suoi batteri, e infatti il termine "microbioma" indica la totalità del patrimonio genetico posseduto dal "microbiota", cioè i geni che quest’ultimo è in grado di esprimere.
Scrive lo psicoanalista e nutrizionista Fabio Piccini (vedi bibliografia):

Se consideriamo il microbioma umano, tali geni codificano per alcune molecole che il corpo non riesce a produrre autonomamente. I numeri lasciano stupiti: il 99% della nostra componente genetica deriva dai batteri, come se fosse un secondo genoma. Questo ci permette di considerare il microbiota come un organo endocrino aggiuntivo che fornisce un ampio numero di composti fondamentali al funzionamento degli organi umani.

Per questi motivi il progetto Human Microbiome (HMP) è uno dei più grandi progetti biologici di tutti i tempi. Il microbioma umano dal sito "what is biotechnology?" viene così descritto:

Trilioni di organismi microbici simbiotici vivono dentro e sulla superficie del corpo umano. Possono essere trovati in e su quasi ogni parte del corpo, compresi l'intestino, il cervello, l'orecchio, la pelle, il naso, le vie orali, l'apparato gastrointestinale, respiratorio, urinario e vaginale e il flusso sanguigno. Si ritiene che i loro geni contribuiscano maggiormente alla sopravvivenza umana rispetto ai geni umani. Tali geni, il microbioma umano, sono, ad esempio, fondamentali per il processo di invecchiamento, digestione, sistema immunitario, modulazione del sistema nervoso centrale, umore e capacità cognitiva di una persona. Questo rende il microbioma umano un organo essenziale nel corpo umano. Senza di esso il corpo umano non può funzionare. Nessun essere umano ha lo stesso microbioma. È unico come l'impronta digitale di una persona. Il microbioma umano, tuttavia, è un sistema dinamico che si altera nel corso della vita di una persona. Alcuni dei cambiamenti più drammatici si verificano durante l'infanzia e la prima infanzia di una persona. Fattori ambientali e abitudini di vita, come la frequenza con cui una persona si lava, cosa mangia, il tipo di abbigliamento che indossa, quanto tempo trascorre all'esterno, con chi interagisce e dove vive, determinano anche la composizione del microbioma della persona. Il consumo di antibiotici influisce anche sul microbioma. [...] La nostra comunità microbica, nota come microbiota umano, è formata da batteri, lieviti e altri eucari, archaea (primitivi organismi monocellulari), funghi, protozoi e virus non viventi (batteriofagi). I batteri comprendono la maggior parte dei microrganismi che popolano il nostro corpo. La stragrande maggioranza dei batteri risiede nell'intestino. Questi batteri svolgono un ruolo fondamentale nella scomposizione e nell'assorbimento dei nutrienti, aiutano a scomporre amidi, zuccheri e proteine ​​che l'uomo non potrebbe altrimenti digerire e sintetizzare aminoacidi e vitamine essenziali.
Il microbiota umano è definito come l'insieme dei microrganismi che in maniera fisiologica, o talvolta patologica, vivono in simbiosi con il corpo umano. Il termine "microbioma" indica invece la totalità del patrimonio genetico posseduto dal microbiota, cioè i geni che quest’ultimo è in grado di esprimere
Scrivono i biologi Manuela Monti e Carlo Alberto Redi in "Noi siamo l'intestino" (vedi bibliografia):
Gli individui sono in realtà insiemi eterogenei di organismi, animali, batteri, virus eccetera quanto mai diversi tra loro e organizzati in base a relazioni di simbiosi, in genere mutualmente vantaggiose; a volte questa relazione si rivela catastrofica, nel caso si manifesti in termini di parassitismo. [...] Il microbiota che si trova nella nostra pelle cambia radicalmente, impoverendosi, se si abita in una grande metropoli rispetto a una piccola città, poiché è legato a parametri di qualità ambientale, di condizione socioeconomica, al livello di urbanizzazione che, inevitabilmente, sono fattori legati a una maggiore incidenza di patologie della pelle. Altre comunità di esseri viventi abitano nel sistema respiratorio e ancora più numerose sono quelle che convivono con noi, dalle prime ore della nostra vita al di fuori del corpo materno, all' interno del sistema digerente: un’enciclopedica collezione di organismi capaci di modellare molti aspetti del nostro stato di salute della primissima infanzia e dell’età adulta.
Differenza tra batteri e virus
immunoterapia
Cliccare per ingrandire
Il microbioma di ognuno protegge dai Virus
Cliccare per approfondire
Virus e batteri costituiscono il corpo umano dalla creazione dell'Universo. I reperti fossili dimostrano che i batteri esistono da circa 3,5 miliardi di anni ed è noto che essi sono in grado di sopravvivere in una varietà di ambienti, compresi caldo e freddo estremi, superfici, rifiuti radioattivi e corpo umano. La maggior parte dei batteri sono innocui e, alcuni, possono vivere all’interno dell’intestino umano (microbioma) favorendo la digestione del cibo, la distruzione di microbi che causano malattie, la lotta alle cellule tumorali e l’assimilazione dei nutrienti essenziali. Mentre alcuni batteri sono presenti nel nostro organismo e sono perfino utili al suo funzionamento, un virus non sarà mai utile
Cosa sono i batteri e i virus
Cosa sono i batteri e i virus? Secondo il sito saperesalute:

  • BATTERI: i batteri sono veri e propri esseri viventi secondo la definizione che ne dà la biologia, ossia organismi in grado di vivere e riprodursi in modo autonomo, poste condizioni ambientali adeguate. Non sono né piante né animali, ma appartengono a un gruppo a sé stante e presentano caratteristiche ben precise. I batteri sono organismi costituiti da una sola cellula (unicellulari) procarioti (ossia privi di nucleo cellulare), ma assimilabili a organismi viventi completi, poiché sono dotati di tutte le strutture e gli enzimi necessari per espletare le funzioni metaboliche fondamentali, potendo quindi vivere in modo indipendente e riprodursi autonomamente, per divisione cellulare.

  • VIRUS: i virus sono, mediamente, 100 volte più piccoli dei batteri (al punto da risultare invisibili al microscopio ottico), e non possiedono né una struttura cellulare completa, né tutti gli enzimi necessari per la sopravvivenza e la replicazione del proprio acido nucleico, che può essere costituito da DNA o RNA. Dopo essersi messi in contatto con una cellula ospite, appoggiandosi alla superficie esterna della membrana cellulare o della parete cellulare batterica, i virus inseriscono il proprio acido nucleico nel citoplasma della cellula stessa, assumendo la direzione delle sue funzioni metaboliche. La cellula ospite, così infettata, continua a sopravvivere e a riprodursi, ma produce più che altro proteine virali e genoma del virus anziché i prodotti usuali, necessari per il proprio metabolismo e la propria replicazione. È questo processo che fa guadagnare ai virus l’appellativo di “parassiti”.

Virus e batteri costituiscono il corpo umano dalla creazione dell'Universo. Cosa fanno i batterie all'interno del corpo umano? Ne parla il nutrizionista Fabio Piccini nel libro:"Tecniche di biohacking" (p.41)

I batteri vivono in simbiosi con il nostro organismo. Simbiosi significa un rapporto di convivenza e di reciproca interdipendenza. In cambio di qualcosa che a loro serve (nutrimento, protezione, mobilità, etc.), ci cedono qualcos'altro che serve a noi (vitamine, metaboliti, protezione da specie patogene, addestramento delle cellule del nostro sistema immunitario, etc.). I loro geni invece - proprio come i nostri - codificano istruzioni per la produzione di proteine. I batteri con il loro materiale genetico, che ci concedono in comodato d'uso, sono talmente importanti per la nostra sopravvivenza che farne a meno è praticamente impossibile, specialmente se si vuol vivere in buona salute.

Sui batteri riportiamo dal sito "Medicina online (2016)":

I reperti fossili dimostrano che i batteri esistono da circa 3,5 miliardi di anni ed è noto che essi sono in grado di sopravvivere in una varietà di ambienti, compresi caldo e freddo estremi (batteri estremofili), superfici, rifiuti radioattivi e corpo umano. La maggior parte dei batteri sono innocui e alcuni, come i batteri Lactobacilli acidophilus, possono vivere all’interno dell’intestino umano (microbioma) favorendo la digestione del cibo, la distruzione di microbi che causano malattie, la lotta alle cellule tumorali e l’assimilazione dei nutrienti essenziali. Alterazioni del microbioma possono favorire l’insorgenza di patologie e malfunzionamento dell’intestino. Meno dell’1% dei batteri è causa di malattie nell’individuo. [...] A differenza dei batteri, la maggior parte dei virus causano malattie e sono piuttosto specifici quando si tratta del tipo di cellule da attaccare. Per esempio, alcuni virus sono programmati per attaccare in particolare le cellule presenti nel fegato, nel sistema respiratorio o nel sangue. Mentre alcuni batteri sono presenti nel nostro organismo e sono perfino utili al suo funzionamento, un virus non sarà mai utile.
Il microbioma è essenziale nella risposta immunitaria dell'organismo alle infezioni
Un recente studio del biologo Jordan R. Yaron ed Al. (vedi bibliografia 2020), hanno evidenziato come il microbioma batterico intestinale svolga un ruolo fondamentale nelle interazioni ospite-patogeno della malattia, in particolare l'impiego di antibiotici può alterare il microbioma intestinale e predisporre ad un aumento delle infezioni patogene. Essi scrivono:

Prove convincenti hanno stabilito un ruolo importante per il microbioma intestinale nella reattività immunitaria e per la patogenesi di varie malattie, comprese quelle con coinvolgimento primario al di fuori dell'intestino, come le vie respiratorie, epatiche, renali, neurologiche, autoimmuni, reumatoidi e cardiovascolari condizioni.

Ricerche recenti hanno dimostrato che il microbioma intestinale svolge un ruolo essenziale nella risposta immunitaria dell'organismo alle infezioni e nel mantenimento della salute generale. Oltre a fornire una risposta a agenti patogeni infettivi (ad esempio il coronavirus), un microbioma intestinale sano aiuta anche a prevenire reazioni immunitarie potenzialmente pericolose che danneggiano i polmoni e altri organi vitali. L'epidemiologo Tim Spector  (vedi bibliografia) consiglia come nutrire il proprio microbioma per aumentare le difese contro il coronavirus:

Il modo migliore per aumentare la diversità del microbioma è mangiare una vasta gamma di alimenti a base vegetale, che sono ricchi di fibre e limitare gli alimenti ultra-trasformati, incluso il cibo spazzatura. Seguire una dieta mediterranea ha anche dimostrato di migliorare la diversità del microbioma intestinale e ridurre l'infiammazione: mangiare molta frutta, verdura, noci, semi e cereali integrali; grassi sani come olio extra vergine di oliva di alta qualità; e magra carne o pesce. Evita l'alcool, il sale, i dolci e le bevande zuccherate, i dolcificanti artificiali o altri additivi.
Quante cellule e quanti batteri in un corpo di 70Kg
bacteria
(Fonte: Sender, Fuchs, Milo 2016) Distribuzione del numero di cellule e massa per diversi tipi di cellule nel corpo umano (per un uomo adulto di 70 kg).
La barra superiore mostra il numero di cellule (umane e batteriche), mentre la barra inferiore mostra il contributo di ciascuno dei principali tipi cellulari che comprende la massa corporea cellulare complessiva (esclusa la massa extracellulare che aggiunge altri ≈24 kg). A titolo di confronto, il contributo dei batteri è mostrato a destra, pari a solo 0,2 kg, che rappresenta circa lo 0,3% del peso corporeo.
Distribuzione dei batteri negli organi del corpo umano
corpo umano
Qual è la massa totale di batteri nel corpo? Dal contenuto totale del colon di circa 0,4 kg e una frazione di massa batterica di circa la metà [ 21 , 24 ], otteniamo un contributo di circa 0,2 kg (peso umido) dai batteri alla massa complessiva del contenuto del colon. Dato il predominio dei batteri nel colon su tutte le altre popolazioni di microbiota nel corpo, concludiamo che complessivamente ci sono circa 0,2 kg di batteri nel corpo. Dato il contenuto d'acqua dei batteri, il peso totale a secco dei batteri nel corpo è di circa 50–100 g.
Il microbiota intestinale modifica alcuni dei neurotrasmettitori più importanti per il benessere umano, influenzando cognizione, umore e comportamento
La comunicazione tra cervello e intestino viene sempre più studiata perchè essa fornisce una comprensione più profonda delle basi biologiche delle malattie psicologiche. Recenti studi ipotizzano una relazione tra tratti alterati della personalità e microbiota intestinale (vedi bibliografia Han-Na Kim 2018). A proposito della crescente importanza dell'asse cervello-intestino-microbiota (BMGA) scrivono in una meta-analisi di vari studi sperimentali il biologo Michael Ganci ed Al (vedi bibliografia 2019):

La comunicazione tra cervello e intestino viene mantenuta attraverso una rete complessa che comprende il sistema nervoso centrale, il sistema nervoso autonomo (ANS), il sistema nervoso enterico (ENS), l'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), i sistemi neurale, endocrino e immunitario (ad es. Carabotti et al., 2015 ; Cryan & Dinan, 2012 ; Mayer, 2011 ; Moloney, Desbonnet, Clarke, Dinan e Cryan, 2014). In sostanza, il BGMA (cioè l'asse cervello-intestino-microbiota) fornisce una rete per i segnali dal cervello per influenzare le funzioni motorie, sensoriali e secretorie dell'intestino, consentendo contemporaneamente ai segnali e ai metaboliti del GM di influenzare lo sviluppo del cervello, la biochimica, la funzione e il comportamento (ad es. Cryan & O'Mahony, 2011 ; Grenham et al., 2011 ; Marques et al., 2014 ).

Viene anche segnalata una interazione tra il microbiota intestinale e alcuni dei neurotrasmettitori più importanti per il benessere umano, che influenzano cognizione, umore e comportamento come, come scrive Michael Ganci:

L'associazione più evidente tra Microbioma intestinale (GM) e malattie psicologiche è la capacità di GM di manipolare la produzione e l'azione di diversi neurotrasmettitori chiave (ad es. Anderson & Maes, 2015 ; Lyte, 2011 ; O'Mahony, Clarke, Borre, Dinan e Cryan , 2015 ). GM regola il metabolismo e la concentrazione di aminoacidi che fungono da precursori per diversi neurotrasmettitori tra cui acido gamma-aminobutirrico (GABA), serotonina, melatonina e dopamina, tra gli altri (Clarke et al., 2014 ; Evrensel & Ceylan, 2015 ; Jenkins, Nguyen, Polglaze, & Bertrand, 2016 ; Zagajewski et al.,
2012).
L'associazione più evidente tra Microbiota intestinale e malattie psicologiche è la capacità del Microbiota di manipolare la produzione e l'azione di diversi neurotrasmettitori (serotonina, dopamina, melatonina, GABA, ecc) che influenzano cognizione, umore e comportamento
Cosa fare per migliorare il proprio microbiota: qualità del cibo, movimento, meditazione
Vista l'importanza di tenere in buona salute il proprio microbiota, cosa si potrebbe fare? Alcuni consigli li dà l'epidemiologo Franco Berrino nell'articolo "Coronavirus, Franco Berrino:"Rafforziamo le nostre difese immunitarie anche con la giusta dieta. Più fibre vegetali, meno alimenti raffinati".
I consigli di Berrino sono articolati in tre ambiti che sintetizziamo:

  • Cibo: "50 grammi di cereali integrali al giorno riducono significativamente la mortalità per malattie infettive e 90 grammi al giorno la riducono del 25%. È sufficiente mangiare pane integrale invece di pane bianco, riso integrale invece di riso bianco, oppure zuppe di orzo o farro decorticato, o sorgo, miglio, grano saraceno. Le fibre fanno funzionare bene l’intestino, nutrono i microbi buoni che vivono nell’intestino e lo mantengono in buona salute, e se l’intestino è sano anche il sistema immunitario è sano e ci difende dalle infezioni. Lo zucchero è uno dei grandi nemici del sistema immunitario. Circa 50 anni fa era stato osservato che lo zucchero riduceva la fagocitosi, la capacità dei globuli bianchi di inglobare e distruggere batteri. È noto, inoltre, che il carico glicemico della dieta aumenta lo stato infiammatorio. Meglio evitare i cibi con indice glicemico molto alto: come detto, oltre allo zucchero, pane bianco farine raffinate (00 e 0), ma anche patate, dolciumi commerciali, cerali raffinati, mais, fiocchi di mais, pop-corn e banane mature. Evitiamo soprattutto salumi e carni rosse. Oggi mangiamo fin troppe proteine, circa il doppio di quanto abbiamo bisogno. Meglio mangiare prevalentemente cibi vegetali."

  • Movimento: "È dimostrato che un moderato esercizio fisico riduce il rischio di contrarre l’influenza, mentre esercizi intensi potrebbero aumentare la suscettibilità. Attualmente con l’autocertificazione posso solo andare a fare la spesa e allora ho cambiato alcune abitudini. Metto della musica e faccio aerobica: steptouch, V-step, knee-up, marching… È bellissimo, non l’avevo mai fatta. Mezzora e la vita riparte. E poi l’elastico, per irrobustire e tonificare i muscoli."

  • Meditazione: "C’è da sottolineare che una ventina di studi sperimentali sull’uomo hanno esaminato gli effetti della meditazione sul sistema immunitario e molti di loro hanno constatato una ridotta espressione dei geni dell’infiammazione, in particolare la ridotta attivazione di NfKB, e un aumento delle cellule T C4+. Uno studio ha anche mostrato che dopo un paio di mesi di pratica di meditazione la vaccinazione antinfluenzale è più efficace."
Il microbiota può essere considerato come un organo endocrino aggiuntivo che fornisce un ampio numero di composti fondamentali al funzionamento degli organi umani. Il microbiota è in continua interazione con le attività di tutti gli organi: non fa eccezione il cervello, di cui risulta un potente modulatore dell’attività fisiologica e dunque in grado di influenzare gli stati comportamentali ed emozionali
Conclusioni (provvisorie): il 99% della nostra componente genetica deriva dai batteri che compongono il nostro microbioma e influenzano anche comportamenti ed emozioni
L'epidemia di coronavirus ha ricordato a tutto il mondo che l'essere umano è un essere, principalmente, "biologico". Ma cos'è un essere umano? Secondo il biologo Carlo Alberto Redi e il filosofo Carlo Sini "Le conoscenze biologiche permettono di stabilire in modo non ambiguo che l'inizio ontogenetico del processo materio-energetico che origina ed identifica un nuovo individuo coincide con il momento in cui si realizza la formazione della prima copia geneticamente attiva del suo genoma." Il termine "microbioma" indica la totalità del patrimonio genetico posseduto dal "microbiota", cioè i geni che quest’ultimo è in grado di esprimere. Il microbiota umano è definito come «l’insieme dei microrganismi che in maniera fisiologica, o talvolta patologica, vivono in simbiosi con il corpo umano». Secondo lo psicoanalista e nutrizionista Fabio Piccini: "Se consideriamo il microbioma umano, tali geni codificano per alcune molecole che il corpo non riesce a produrre autonomamente. I numeri lasciano stupiti: il 99% della nostra componente genetica deriva dai batteri, come se fosse un secondo genoma. Questo ci permette di considerare il microbiota come un organo endocrino aggiuntivo che fornisce un ampio numero di composti fondamentali al funzionamento degli organi umani." Scrivono i biologi Carlo Alberto Redi e Manuela Monti: "Il microbiota è in continua interazione con le attività di tutti gli organi: non fa eccezione il cervello, di cui risulta un potente modulatore dell’attività fisiologica e dunque in grado di influenzare gli stati comportamentali ed emozionali. Le evidenze fornite dallo studio del microbioma (il genoma di tutto il microbiota) ne mettono in luce un ruolo centrale nel regolare lo svolgimento dei tre processi che impieghiamo normalmente per definire l’identità biologica dell’individuo: il sistema immunitario capace di discriminare tra il sé e il non-sé a livelli di raffinata precisione molecolare."

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

La razionalità richiede impegno personale!
Iscriviti alla Newsletter di pensierocritico.eu per ricevere in anteprima nuovi contenuti e aggiornamenti:
Scrivi, se non sei d'accordo
Se ritenete che le tesi del "punto chiave" non vengano sufficientemente supportate dagli argomenti presenti in questa pagina potete esprimere il vostro parere (motivandolo).
Inviate una email con il FORM. Riceverete una risposta. Grazie della collaborazione.
Libri consigliati
a chi vuole approfondire DNA e microbioma
Spesa annua pro capite in Italia per gioco d'azzardo 1.583 euro, per l'acquisto di libri 58,8 euro (fonte: l'Espresso 5/2/17)

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Pagina aggiornata il 29 maggio 2020

Copyright 2012-2020
creative commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5 Generico
Torna ai contenuti