Pregiudizio di conferma (Confirmation Bias) - Pensiero Critico

Cerca nel sito
Privacy Policy
Vai ai contenuti

Menu principale:

Pregiudizio di conferma (Confirmation Bias)

Teorie > Metodi > Pensiero critico
Puoi condividere questa pagina:
Il punto chiave

Tutti noi tendiamo a cercare prove ed evidenze a sostegno delle nostre idee e a rigettare quelle contrarie ad esse. (Raymond Nickerson)

Pregiudizio di conferma
Mister Left: Hai letto il mio articolo sul confirmation bias? Mister Right: Si, ma mi ha solo confermato quel che già sapevo.
Perchè cerchiamo continuamente prove che confermino le nostre convinzioni e trascuriamo quelle contrarie ad esse?

Il Confirmation Bias, secondo la definizione dello psicologo Raymond Nickerson (1998, ved. bibliografia p.175), è

la ricerca o l'interpretazione di prove in modo che siano favorevoli a esistenti credenze, aspettative o ipotesi [del soggetto interpretante].

Un autoinganno che coinvolge anche persone intelligenti e aperte

Si tratta di uno dei pregiudizi più studiati dalla psicologia cognitiva perchè non risparmia nessuno: sebbene vi siano differenze individuali, sembra che nessuno ne sia esente indipendentemente da fattori quali intelligenza o apertura mentale. Tutti noi tendiamo a cercare prove ed evidenze a sostegno delle nostre convinzioni e a rigettare quelle contrarie ad esse.

Si tratta di una forma di autoinganno per il quale sono state proposte diverse cause, tra le quali la difesa dell'identità personale: difendiamo le idee, i principi e i modi di vedere che sono, magari da molti anni, alla base della nostra identità, anche perchè le nostre idee sono probabilmente quelle del gruppo sociale nel quale ci siamo formati che, se rigettate, danneggerebbero il nostro senso di appartenenza. Una nuova ipotesi, di natura evoluzionistica, è stata presentata dagli psicologi Hugo Mercier e Dan Sperber (vedere qui).


Nell'ambiente sociale il confirmation bias ostacola la valutazione pubblica di opinioni e argomenti, favorendo la propaganda politica, la scarsa credibilità dei mass media, il disprezzo per l'opinione degli esperti, la polarizzazione e manipolazione delle opinioni, il conformismo sociale.

Che tipo di informazioni cerchiamo

Secondo Nickerson, le persone restringono la loro attenzione solo alle osservazioni (o informazioni) favorevoli alle loro convinzioni e rifiutano di prendere in considerazione osservazioni (o informazioni) alternative. In particolare, le persone vanno alla ricerca di informazioni che siano coerenti con una sola ipotesi (la loro!) ma non diagnostiche  rispetto ad essa. Un'informazione/osservazione viene definita diagnostica  (rispetto a una particolare ipotesi) quando è coerente con quell'ipotesi ma non lo è con le ipotesi concorrenti.

Ciò vuol dire che se una persona limita la sua attenzione alla verifica della coerenza di un'informazione con una sola ipotesi (la sua ipotesi) non ha la possibilità di capire se essa è diagnostica.

Differenza tra razionalità e intelligenza


Come ha fatto notare lo psicologo K.E. Stanovich
et Al. (2013, ved.bibliografia):

[Il Confirmation Bias] è una notevole difficoltà cognitiva, dato che un tema ricorrente nella letteratura del pensiero critico è che i pensatori critici dovrebbero essere in grado di separare le loro credenze ed opinioni pregresse dalla valutazione di prove ed argomenti.


Stanovich ha inoltre evidenziato (2011, ved.bibliografia) la differenza tra razionalità e intelligenza che si esprime in molti comportamenti irrazionali anche nelle persone intelligenti, infatti anche queste, spesso, non posseggono quell'insieme di competenze (regole cognitive, strategie, sistemi di credenza) che l'essere umano impiega per prendere decisioni. Scrive Stanovich (p.356):

Mentre è vero che gli individui più intelligenti imparano più di quelli meno intelligenti, molta conoscenza (e molti atteggiamenti di pensiero) indispensabili per la razionalità vengono appresi piuttosto tardi nella vita. L'insegnamento esplicito di queste conoscenze non è uniforme nei curriculum scolastici di ogni livello. Il fatto che questi principi vengano insegnati in modo contraddittorio e incoerente ha come conseguenza che molte persone intelligenti non apprendano i principi del pensiero critico.

Esempi di natura storica

Esistono molte evidenze sperimentali del confirmation bias e Nickerson ne espone alcune, di natura storica, nel suo studio:

  • Caccia alle streghe (p.190): dal 15° al 17° secolo in Europa occidentale la gente credeva così fortemente nell'esistenza delle streghe che certi tribunali avevano delle leggi speciali per questi casi. Ci furono molti orribili casi di confirmation bias (si stima che solo in Inghilterra nel 17° secolo furono giustiziate più di 40.000 persone).

  • Politica (p.191): una volta che una decisione politica viene adottata e implementata da un Governo tutte le successive attività si finalizzano alla giustificazione di quella decisione.

  • Pregiudizi medici (p.192): la medicina moderna empirica è un'attitudine recente; le conoscenze mediche sono rimaste stagnanti per più di 1500 anni e la tendenza prevalente era quella di concentrarsi sui casi positivi, cioè su casi in cui alle cure è seguito un recupero fisico. La scoperta che alcune malattie hanno una storia naturale e da esse in molti casi si guarisce senza alcun trattamento medico è una scoperta molto recente.

  • Procedimenti giudiziari (p.193): in questo contesto venne fatto il tentativo di disaccoppiare la fase di acquisizione delle prove da quella dell'emissione della sentenza per evitare che i pregiudizi influenzassero la ricerca delle prove.

  • Metodo scientifico (p.194): la capacità di resistere al confirmation bias è una proprietà che distingue il pensiero scientifico dal pensiero ordinario: in generale gli scienziati, dopo aver trovato prove convincenti a favore delle loro ipotesi scientifiche si dedicavano a cercarne altre che le confutavano. L'insistenza della scienza, come istituzione, nella verifica empirica delle ipotesi scientifiche con metodi pubblicamente accessibili ha assicurato la sua relativa indipendenza dai pregiudizi dei singoli scienziati.

Cosa sono i pregiudizi?

Una descrizione esaustiva del pregiudizio, dal punto di vista psicologico, la dà lo psicoanalista Giovanni Jervis su la Treccani.it, e questa è la sua definizione sintetica:

Alla lettera e in senso generale il pregiudizio è un giudizio anticipato rispetto alla valutazione dei fatti. Risponde a questa accezione l'uso comune del termine in locuzioni quali "esaminare un problema senza pregiudizi", o "essere spregiudicati". In senso più tecnico e restrittivo il vocabolo serve invece a designare, e inscindibilmente a connotare in senso negativo, qualsiasi atteggiamento sfavorevole o ostile, in particolare quando esso presenti, oltre che caratteri di superficialità e indebita generalizzazione (v. Allport, 1954), anche caratteristiche di rigidità, cioè quando implichi il rifiuto di metterne in dubbio la fondatezza e la resistenza a verificarne la pertinenza e la coerenza.

E' difficile guardare alla realtà senza pregiudizi
Pregiudizio di conferma
Tutto ciò che cerchi e tutto ciò che percepisci è un modo di dimostrare ciò in cui credi.
Il problema della ricerca scientifica: come verificare un'ipotesi

Nel 1960 lo psicologo Peter Wason tentò di dimostrare con un esperimento (La regola 2-4-6, ved. bibliografia 1960) che il confirmation bias è uno dei maggiori ostacoli anche per la ricerca scientifica. Infatti egli si rese conto che le persone, di fronte a un'ipotesi da verificare, invece di cercare di falsificarla (ved.box a fianco) tendono a confermarla.

Il Test 2-4-6 di Wason consiste nel sottoporre a una persona una sequenza di tre numeri (2-4-6) e chiederle di scoprire la regola che guida la relazione tra i numeri. I partecipanti vengono incoraggiati a testare la loro ipotesi proponendo triplette di numeri. Dopo ogni tripletta lo sperimentatore risponde SI o NO alla domanda se essa conferma la regola. L'annuncio che il partecipante è abbastanza fiducioso della correttezza della sua ipotesi conclude il test.

Le conclusioni di Wason furono le seguenti (p.139):


I risultati mostrano che solo pochissimi giovani intelligenti testano spontaneamente le loro credenze in una situazione che non sembra essere di natura "scientifica". L'obiettivo del test simula un problema scientifico in miniatura, le cui variabili sono sconosciute, e in cui devono essere sistematicamente addotte prove per confutare o supportare ipotesi. [...] Il tipo di atteggiamento mentale che questo compito richiede è quello dell'analisi formale della procedura scientifica proposta da Popper (1959). Esso consiste nella volontà di tentare di falsificare ipotesi, e quindi di testare le idee intuitive che spesso portano alla sensazione di certezza. Ovviamente il metodo scientifico può essere insegnato e coltivato. Ma la disponibilità (in contrasto con la capacità) a pensare e discutere razionalmente in una ambito asistematico di conoscenza è presumibilmente legato ad altri fattori, oltre all'intelligenza, in quanto implica una disposizione a confutare, piuttosto che a rivendicare asserzioni, e a tollerare la disillusione per risposte negative.

La falsificazione di Popper
Falsificare o confermare le proprie ipotesi?
Il Test di Wason applicato per strada (inserire i sottotitoli in inglese)
La falsificazione di Karl Popper

Il filosofo Karl Popper propose nel 1934, nel suo libro "Logica della scoperta scientifica", che quando si vuole accertare la verità di una teoria scientifica non è sufficiente verificarla, ma è necessario falsificarla.


Ha scritto Karl Popper:

  1. E' facile ottenere delle conferme, o verifiche, per quasi ogni teoria, se quel che cerchiamo sono appunto delle conferme.

  2. Le conferme dovrebbero valere solo se sono il risultato di previsioni rischiose; vale a dire, nel caso che, non essendo illuminati dalla teoria in questione, ci saremmo dovuti aspettare un evento incompatibile con essa, un evento che avrebbe confutato la teoria.

  3. Ogni teoria scientifica "valida" è una proibizione: essa preclude l'accadimento di certe cose. Quante più cose preclude, tanto migliore essa risulta.

  4. Una teoria che non può essere confutata da alcun evento concepibile, non è scientifica.

  5. L'inconfutabilità di una teoria non è (come spesso si crede) un pregio bensì un difetto.

La teoria della falsificabilità ha ricevuto molte critiche ma è ritenuta ancora oggi imprescindibile per la ricerca scientifica (ved. bibliografia Carlo Veronesi).
Perchè cerchiamo sempre di confermare le nostre credenze

Lo psicologo Daniel Kahneman parla del Confirmation Bias nel suo libro "Pensieri lenti e veloci" nel capitolo "Un meccanismo per saltare alle conclusioni" (pp.89-99). Nel distinguere le proprietà dei due sistemi che organizzano la mente umana, vale a dire il sistema intuitivo (Sistema 1) e quello razionale (Sistema 2), l'azione del pregiudizio di conferma si colloca nel Sistema 1. Egli scrive (p.92):


Contrariamente alle regole di filosofi della scienza, i quali consigliano di verificare un'ipotesi provando a confutarla, le persone (e molto spesso anche gli scienziati) cercano dati che siano compatibili con le loro credenze del momento. L'inclinazione alla conferma del sistema 1 [quello intuitivo] induce la gente ad accettare acriticamente ipotesi e a esagerare le probabilità che si verifichino eventi estremi e improbabili.


Un'ipotesi sul perchè cerchiamo di confermare le nostre credenze l'hanno fatta gli psicologi Hugo Mercier e Dan Sperber (ved. bibliografia), i quali hanno sostenuto che, purtroppo, la tendenza alla conferma risiede nel Sistema 2, cioè proprio nel cuore del ragionamento umano. Essa è dovuta, secondo loro, alla necessità di argomentare per comunicare con altri, e dunque nella volontà di affermare se stessi in un confronto dialettico. Un dettaglio delle loro ragioni è riportato qui.



Bibliografia (chi fa delle buone letture è meno manipolabile)


Commenti
Se ritenete che le tesi del "punto chiave" non vengano sufficientemente supportate dagli argomenti presenti in questa pagina potete esprimere il vostro parere (motivandolo).
Inviate una email con il FORM. Riceverete una risposta. Grazie della collaborazione.
Libri consigliati a chi vuole mitigare il proprio pregiudizio di conferma
 
Popper
Kahneman
Cosa si può fare per diventare "pensatori critici"
E' stato ampiamente dimostrato negli ultimi 30-40 anni da parecchi psicologi tra i quali Amos Tversky, Daniel Kahneman, Gerd Gigerenzer e altri, che l'essere umano crede di essere razionale ma non lo è. Quando un individuo si trova a prendere decisioni in condizioni di incertezza il più delle volte usa un "pensiero intuitivo" facendo ricorso alle euristiche, cioè a scorciatoie mentali maturate nel corso dell'evoluzione. Nella maggior parte delle situazioni della vita quotidiana le decisioni euristiche si rivelano giuste ma in situazioni più complesse, apparse solo con la modernità, le euristiche portano a distorsioni del giudizio (bias) che danno luogo a decisioni errate.
Secondo Daniel Kahneman (pp.464-465 di Pensieri lenti e veloci - Mondadori) il nostro pensiero intuitivo non è facilmente educabile e ostacola il riconoscimento dei segnali ambientali che in certi casi renderebbero necessario il passaggio a un pensiero razionale e critico. Un osservatore esterno è sempre meno coinvolto emotivamente di colui che prende decisioni e compie azioni. Occorre quindi impegnarsi a costruire una "società critica", nella quale ci siano "osservatori critici" che sappiano avvertirci dei pericoli insiti in certe situazioni decisionali. Questo è un compito primario delle Istituzioni che devono investire in programmi di formazione al "pensiero critico" degli educatori scolastici. A livello individuale, ecco alcune attività perseguibili:

  1. Atteggiamento critico: sforzarsi di assumere un atteggiamento critico contrastando la tendenza umana innata di saltare subito alle conclusioni e prendere decisioni impulsive. Per approfondire andare alla pagina: Atteggiamento critico 
  2. Lettura: diversi studi confermano che l'attività di lettura migliora l'attività del cervello contrastando i deficit cognitivi e l'invecchiamento cerebrale. Per approfondire andare alla pagina: Lettura e Cervello. Inoltre, il  miglioramento cerebrale viene potenziato dalla lettura critica dei testi (non narrativi). 
  3. Apprendimento linguistico: recenti studi hanno confermato che imparare lingue diverse dalla propria (anche in età avanzata) migliora il rendimento cerebrale. Per approfondire andare alla pagina: Bilinguismo e incremento cognitivo

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Pagina aggiornata il 5 aprile 2016

 
copyright 2012-2016 Licenza Creative Commons
I contenuti di pensierocritico.eu sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu