Una pratica formativa che ha un metodo: Evidence Based Education - Pensiero Critico

Cerca nel sito
Privacy Policy
Vai ai contenuti

Menu principale:

Una pratica formativa che ha un metodo: Evidence Based Education

Teorie > Metodi > Pensiero critico
Puoi condividere questa pagina:
Il punto chiave
Le richieste a insegnanti ed altri che forniscono istruzione esigono che la pratica educativa si basi sulle migliori evidenze disponibili, così come sulle abilità, esperienze e competenze degli insegnanti. Per far questo occorre che la letteratura scientifica sulla didattica venga meglio registrata, indicizzata, classificata, valutata e resa accessibile a ricercatori e insegnanti. La " evidenza " consiste nei risultati di studi "sperimentali controllati randomizzati " o altri studi sperimentali o quasi-sperimentali.
(Philip Davies, What is evidence-based education? 1999)

saggezza
What's a wise man? An old man who does not remember what he did as a young man.
Evidence Based Education in Italia

Il 20-21 novembre 2015 si è tenuto, presso l'Università di Firenze, il Convegno della branca italiana della Società per l'Apprendimento e l'Istruzione informati da Evidenza (S.Ap.I.E.). Lo scopo dell'Associazione è quello di colmare il divario tra conoscenze teoriche e necessità pratiche fornendo alle scuole modelli di didattica efficace e raccomandazioni metodologiche per il miglioramento degli apprendimenti. La SApIE intende inoltre sviluppare una cultura critica e consapevole sul ruolo e sull'utilizzabilità dell'evidenza scientifica in educazione.


Antonio Calvani ha descritto la finalità del Convegno (integrare la ricerca scientifica con la sapienza della pratica) e introdotto tutti gli ospiti, tra i quali gli ospiti internazionali Debra Masters (Direttrice del programma Visible Learning) e Mike Bell (EBE Teachers Network).


Giuliano Vivanet ha presentato brevemente l'attività dell'Evidence Based Education (EBE) in Italia, che ha come scopo il miglioramento delle pratiche didattiche (contro miti e pseudoscienza), e si rivolge alle scuole proponendo un approccio che integra conoscenze scientifiche e competenze professionali.


La seconda giornata del convegno è stata dedicata agli interventi delle scuole e alle loro pratiche informate da evidenza. Il programma completo del Convegno con i titoli degli interventi e la possibilità di scaricare le slide relative sono consultabili qui.

Come migliorare la formazione degli insegnanti?

In quale modo rendere più efficace la didattica se lo chiedono con rinnovato interesse, dovuto all'incalzare delle tecnologie (nella scuola, nel lavoro, nella società), i pedagogisti di tutto il mondo. Secondo un recente orientamento il miglioramento delle pratiche didattiche richiede che esse siano trattate con il medesimo rigore metodologico delle discipline scientifiche.


In particolare, in Italia, se lo chiede Antonio Calvani che da anni segue le ricerche più promettenti per la formazione degli insegnanti, tra le quali ha individuato l'approccio "Evidence-Based", avviato da John Hattie dagli inizi degli anni '90 nel mondo anglosassone. Questa pagina descrive le caratteristiche di quest'approccio didattico, senza dimenticare lo scopo finale cui si rivolge questo sforzo: qual è il compito principale dell'insegnamento?


Secondo lo storico Luciano Canfora uno dei compiti dell'insegnamento dovrebbe essere quello di fornire degli anticorpi  rispetto alle mode. Vale a dire trasmettere contenuti e "stili di pensiero" che allontanino gli studenti dal "rumore esterno", consentendo di guardare alla realtà con spirito critico. Egli scrive nel libro "Gli antichi ci riguardano" (p.28):


Ogni corso di studi dovrebbe avere come principale risultato la mutazione di un soggetto, necessariamente eterodiretto e subordinato ad una autorità forte e indiscussa, in soggetto pensante nei confronti del quale la disciplina diviene tutt'altra cosa: diviene consapevole accettazione e poi assunzione di un abito critico. Al termine di tale cammino l'individuo, trasformato in cittadino, entra in una realtà di cui dovrebbe poter comprendere la dinamica fondamentale, e cioè la costante tensione tra "vecchio" e "nuovo", tra autorità e libertà.

La filosofa Martha Nussbaum, intervenendo a un convegno sull'istruzione in Italia, ha detto che le nazioni che hanno a cuore la democrazia educano i cittadini al pensiero critico e ne salvaguardano la capacità di decidere autonomamente.
Convegno S.Ap.I.E. Firenze 20-21 novembre 2015
Evidence Based Information
Un'immagine del convegno sull'Evidence Based Education in Italia. (cliccare per ingrandire)
Per iscriversi alla SApIE e/o ai workshop educativi

Per gli insegnanti che desiderano approfondire l'approccio Evidence-Based e partecipare ai workshop educativi organizzati dall'associazione è opportuno iscriversi alla SApIE.

I primi workshop del 2016 sono stati:


  • Cosa sappiamo su quali sono i metodi didattici più efficaci (prof. Antonio Calvani UNIFI) - lunedì 7 marzo
  • Cosa sappiamo su quali sono i metodi didattici più efficaci nell'ambito della disabilità (prof. Lucio Cottini UNIUD) - lunedì 14 marzo (la lezione è stata registrata ed è visibile qui)
  • Cosa sappiamo su come migliorare l'autovalutazione scolastica (prof. Roberto Trinchero UNITO) - lunedì 21 marzo

Cliccare sul pulsante per andare al sito SapIE:

Da cosa dipende l'apprendimento
John Attie
John Hattie, nelle sue ricerche (2003) su ciò che ha maggiore effetto sui risultati di apprendimento degli studenti, ha individuato nello studente stesso il principale attore (50%), seguono: l'insegnante (30%), casa (5-10%), compagni (5-10%), scuola (5-10%), presidi (5-10%).
malpagati
I go to school, Daddy. Bravo, so the professors have more than a pretext to get paid.
Cosa determina i risultati degli studenti

Agli inizi del 2000 John Hattie svolse un'indagine per il Ministero dell'Istruzione della Nuova Zelanda sull'influenza delle famiglie e delle strutture scolastiche sull'apprendimento degli studenti (ved. bibliografia 2003). Egli notò che venivano investite molte risorse economiche nella costruzione di nuovi edifici e nella riduzione della grandezza delle classi, veniva data molta enfasi al coinvolgimento dei genitori nella gestione delle scuole (ignorando la loro co-responsabilità nel migliorare l'apprendimento dei figli) e, infine, venivano evidenziate le difficoltà degli studenti come se essi fossero "il problema" e come se la scuola "non avesse" questa responsabilità. Egli scrisse (p.2):


Interventi di carattere strutturale, o sulle famiglie, o sulle politiche sono come cercare il proprio portafogli, perduto tra i cespugli, sotto un lampione solo perchè è lì che c'è luce.


La risposta, secondo Hattie, risiedeva altrove, cioè negli insegnanti che interpretano quelle politiche, le applicano e insegnano, nel chiuso delle loro aule, da soli per circa 15.000 ore con i loro studenti. Nella sintesi di circa 500.000 studi sull'apprendimento, svolta da Hattie negli anni '90, emergeva che i fattori che maggiormente influiscono sull'apprendimento si trovano nelle mani degli insegnanti (anzi, sottolineava Hattie, di quelli tra loro che "eccellono").

Egli aggiungeva (p.4):



Se gli insegnanti hanno il potere, pochi fanno dei danni, alcuni mantengono gli studenti in uno status quo, e molti sono eccellenti. Abbiamo bisogno di identificare, apprezzare e far crescere chi ha potenti influenze sull'apprendimento degli studenti. La mia ricerca è stata quella di scoprire questi insegnanti e studiarli.

Hattie ha identificato cinque caratteristiche da lui riscontrate negli "insegnanti eccellenti":

  1. sono in grado di identificare le rappresentazioni essenziali dei loro studenti
  2. riescono a guidare l'apprendimento mediante le interazioni della classe
  3. possono monitorare l'apprendimento e fornire feedback
  4. riescono a partecipare alle manifestazioni affettive
  5. riescono a influenzare i risultati degli studenti

Per approfondire andare all'articolo (Hattie 2003).

Ciò che influenza l'apprendimento
Evidence Based Education
Il barometro indica la dimensione dell'effetto di apprendimento generato da azioni nei confronti dello studente. Da 0 a 0,15 è ciò che lo studente può imparare da solo; da 0,15 a 0,4 è l'effetto tipico di un anno con l'insegnante; al di sopra di 0,4 è l'effetto desiderato dalle istituzioni scolastiche; al di sotto di 0 è l'effetto inverso che taluni provvedimenti provocano (ad esempio bocciature o trasferimenti in altre scuole).
Visible Learning: barometro delle influenze

John Hattie si dedica dagli anni '90 (ved. bibliografia Hattie ) a indagare lo stato dell'arte delle più efficaci metodologie didattiche, con lo scopo di evidenziare i fattori che più influenzano gli studenti in età scolastica (Effect Size). Egli ha condotto oltre 800 meta-analisi (vedi box sotto), su un corpo di 52.637 studi scientifici.

I risultati di Hattie attestano una distribuzione media degli effetti (generati dalle ricerche empiriche) a un valore di 0,4 come mostrato nella figura sottostante.

Inoltre, ponendo tali valori su un barometro visivo è possibile visualizzare dove i singoli effetti si pongono rispetto alla media. Nella figura a lato è mostrato un barometro generico di Hattie.

evidence based education
Questioni di metodo
Esempio di piramide delle evidenze in medicina
Meta-analysis
La piramide delle evidenze in medicina viene costruita (dal basso) da una varietà di studi osservazionali che danno luogo (in alto) a studi sperimentali e, successivamente a review sistematiche sulle quali viene effettuata la meta-analisi. (Cliccare sull'immagine per andare alla fonte)
Cos'è una meta-analisi

La meta-analisi è uno strumento di ricerca statistico che riassume i dati provenienti (di solito) da discipline scientifiche e mediche.

John Hattie è stato il primo ad applicare tale strumento alla ricerca didattica. Le meta-analisi permettono di indagare efficacemente un fenomeno combinando informazioni provenienti da numerosi studi indipendenti. I risultati di una meta-analisi confermano e rafforzano le conoscenze provenienti dai singoli studi che la compongono, accumulando evidenze circa gli effetti di specifiche procedure.

Cos'è uno studio sperimentale controllato randomizzato

La dicitura "studio sperimentale randomizzato controllato" proviene dalla medicina nel cui ambito si propone di valutare l'efficacia di un trattamento medico (terapie, interventi diagnostici, screening) su una determinata popolazione. Questo tipo di studi (randomized controlled trial) si distingue per le seguenti caratteristiche:


  • sperimentale (trial): lo sperimentatore definisce le modalità di selezione dei soggetti da studiare. Dopo il reclutamento dei soggetti si verifica l'effetto di un trattamento (ad esempio la somministrazione di un farmaco) confrontandolo con l'effetto di un diverso trattamento (che può essere un altro farmaco, nessun farmaco o un placebo)

  • controllato (controlled): le persone reclutate vengono suddivise in due gruppi: il gruppo sperimentale che riceve il trattamento e il gruppo di controllo che riceve un diverso trattamento o nessun trattamento

  • randomizzato (randomized): l'assegnazione dei trattamenti ai soggetti avviene in modo casuale (random) per aumentare la probabilità che le variabili non considerate nel progetto dello studio si distribuiscano uniformemente nei due gruppi

Gli ultimi risultati del Visible Learning

Debra Masters ha presentato al convegno Sapie l'approccio "Visible Learning for Teachers" (ved. bibliografia Hattie 2009,2012), basato sul lavoro di John Hattie, approccio che rende visibile sia il processo d'apprendimento (e la sua valutazione) che la relazione insegnante-allievo (basata sul feedback).

La Masters ha presentato i risultati di 12 influenze sull'apprendimento (Effect Size):


+1.44 Aspettative degli studenti

+0.80 Discussioni in classe

+0.75 Chiarezza dell'insegnante

+0.75 Feedback

+0.62 Competenze

+0.40 Apprendimento cooperativo

+0.52 Gestione della classe

+0.29 Compiti a casa

+0.28 Rapporto Esercizio/Riposo

+0.12 Abilità di gruppo

-0.13 Bocciatura (indietro di un anno)

-0.34 Mobilità (cambio scuola)

Evidence Based Education
La maggiore influenza sull'apprendimento (effetto: + 1.44) è risultata essere l'aspettativa dello studente. Questo parametro non è stato meglio specificato dalla Masters. La sorgente dell'influenza è lo studente stesso e probabilmente dipende dalla sua motivazione, descritta brevemente nel box sottostante.
dito in gola
I am full of hope. A finger in the throat, and you can free yourself.
Motivazione dello studente

La motivazione è il cuore psicologico dell'esperienza umana ed è alla base della costruzione dell'identità personale e sociale di ogni individuo. La motivazione di ogni persona dipende dalla quantità e qualità dei suoi interessi che ognuno costruisce in funzione del proprio sistema di credenze e valori, oltre che delle proprie emozioni.

Occorre distinguere tra motivazione intrinseca e motivazione estrinseca. La motivazione intrinseca è simile alla "esperienza ottimale" dello psicologo Mihaly Csikszentmihalyi, che è alla base della felicità dell'individuo poichè è fine a se stessa e il "fare" in sé è la ricompensa.
La più importante teoria della motivazione intrinseca è quella dell'autodeterminazione (ved. bibliografia Deci e Ryan 2000), che consiste nella libera scelta dell'allievo, svincolata da bisogni o forze esterne, di condurre un'azione.
Scrive lo psicologo Pietro Boscolo (ved. bibliografia p.82):

Secondo tale teoria, la motivazione dell'individuo può essere considerata in base alla dimensione autodeterminazione-controllo. Essere autodeterminati significa agire con un senso di volontà e di operatività (agency), di autonomia e coinvolgimento, essere controllati significa invece agire sotto la pressione di una volontà esterna, o anche di una volontà interna, come nel caso in cui si obbedisce a un imperativo morale contro la propria intima volontà.
La motivazione intrinseca è autodeterminata: i comportamenti intrinsecamente motivati sono gratificanti in se stessi e la persona che li intraprende non avverte conflitto o tensione tra quello che vuole e quello che sente di dover fare. Nella motivazione estrinseca, invece, un'attività non viene effettuata per se stessa, ma è strumentale a una ricompensa, che può essere un premio, una lode, un riconoscimento, o anche l'approvazione di se stessi.

Secondo la teoria della motivazione intrinseca il dilemma che si pone agli studenti è dunque: essere autodeterminati o controllati? Gli insegnanti hanno la responsabilità di favorire un orientamento dello studente verso l'autodeterminazione, ad esempio aiutandolo a cogliere il significato di una disciplina (per lui ostica) anche dove non sembrano esservi elementi per favorire comportamenti intrinsecamente motivati. Accade invece spesso che l'insegnante (e anche l'allievo) si accontentino di una regolazione estrinseca.

Teachers
Cliccare per iscriversi al network
Ciclo di apprendimento informato da evidenza
Evidence based education
Un Network mondiale di insegnanti evidence-based informed

Al convegno S.Ap.I.E. era presente Mike Bell, coordinatore di una rete mondiale di insegnanti che usano pratiche informate da evidenza. Attualmente la EBTN (The Evidence Based Teachers Network) si compone di circa 7.000 insegnanti. E' possibile iscriversi a tale network per ricevere le newsletter periodiche (in lingua inglese) cliccando sul pulsante a fianco. Il ciclo di apprendimento informato da evidenza è riportato nell'immagine a fianco e descritto nell'articolo "6 Steps to outstanding learning" la cui versione originale è consultabile in inglese.


Mike Bell descrive l'insegnamento Evidence-Based
E' difficile guardare alla realtà senza pregiudizi
Pregiudizio di conferma
Tutto ciò che cerchi e tutto ciò che percepisci è un modo di dimostrare ciò in cui credi.
knowledge
Critiche alla Evidence-Based Education

Sono state fatte alcune critiche all'approccio EBE, ad esempio da P.L.Thomas e Edward Mullen (ved. bibliografia). Ma la critica più argomentata è, a mio parere, quella di Stanovich, West e Toplak, così descritta: incapacità dell'essere umano di valutare in modo neutro e oggettivo le informazioni che riceve e di prendere decisioni altrettanto neutre, a causa del Myside Bias. Tale bias, introdotto e definito dagli psicologi Keith Stanovich, Richard West e Maggie Toplak nel 2013 (ved. bibliografia), consiste nell'incapacità di valutare evidenze, generare evidenze o verificare sperimentalmente ipotesi senza essere condizionati dalle proprie attitudini e dalle opinioni pregresse. Il Myside bias può essere visto come una sottoclasse del Confirmation Bias. Stanovich e i suoi colleghi hanno condotto esperimenti per capire se il myside bias fosse correlato con il livello di intelligenza individuale, ma sono arrivati alla conclusione che esso non dipende da un basso livello intellettivo, ma colpisce tutti indiscriminatamente. Scrive Stanovich (p.263):


E' importante rendersi conto che la razionalità è un costrutto più inclusivo dell'intelligenza. Dato il ruolo prominente che l'intelligenza gioca in psicologia è sconcertante apprendere che essa è un concetto più ristretto della razionalità. In psicologia, così come nel pensiero comune, le valutazioni dell'intelligenza e le prove delle abilità cognitive vengono ritenute la quintessenza della capacità di pensare "bene". Le critiche a questi strumenti spesso sottolineano che i Test IQ [Intelligence Quality] non riescano a valutare molti domìni essenziali del funzionamento psicologico (abilità socio-emotive, creatività, empatia, ecc). Tuttavia, anche queste critiche contengono la non dichiarata asserzione che, sebbene i test intellettivi non contemplino settori chiave di aree non cognitive, essi comprendono la maggior parte di ciò che è importante cognitivamente. [...] Pensare razionalmente significa adottare obiettivi appropriati, prendere decisioni appropriate dati gli obiettivi e le credenze individuali, e mantenere credenze commisurate alle evidenze disponibili. I Test di intelligenza misurano molte cose importanti riguardo al pensiero, ma non ne valutano direttamente il grado di razionalità. Così, forse non sorprende che l'intelligenza sia debolmente legata ad alcuni aspetti del pensiero razionale. La polarizzazione del Myside Bias risulta essere un aspetto del pensiero razionale che, rispetto ad altri, è particolarmente estraneo all'intelligenza.
Il Test IQ è incompleto e obsoleto?
Stanovich e West hanno evidenziato il fatto che gli studi degli psicologi Kahneman e Tversky negli anni '70 hanno condotto, per una sorta di ironia storica, all'assegnazione a Kahneman del premio Nobel per l'economia nel 2002, per i suoi studi sul pensiero razionale, totalmente mancanti del più noto dispositivo di valutazione mentale delle scienze del comportamento: il Test di intelligenza IQ. Stanovich e West sottolineano la necessità di sostituire Il Test di intelligenza IQ con un Test di Razionalità RQ che includa gli effetti di euristiche e bias cognitivi nella capacità di prendere decisioni razionali.

Bias
Bibliografia (chi fa delle buone letture è meno manipolabile)


Commenti
Se ritenete che le tesi del "punto chiave" non vengano sufficientemente supportate dagli argomenti presenti in questa pagina potete esprimere il vostro parere (motivandolo).
Inviate una email con il FORM. Riceverete una risposta. Grazie della collaborazione.
Libri consigliati agli insegnanti che vogliono approfondire il metodo Evidence-Based
 
John Hattie
Calvani
Nussbaum
Calvani
Vivanet
Cosa si può fare per diventare "pensatori critici"
E' stato ampiamente dimostrato negli ultimi 30-40 anni da parecchi psicologi tra i quali Amos Tversky, Daniel Kahneman, Gerd Gigerenzer e altri, che l'essere umano crede di essere razionale ma non lo è. Quando un individuo si trova a prendere decisioni in condizioni di incertezza il più delle volte usa un "pensiero intuitivo" facendo ricorso alle euristiche, cioè a scorciatoie mentali maturate nel corso dell'evoluzione. Nella maggior parte delle situazioni della vita quotidiana le decisioni euristiche si rivelano giuste ma in situazioni più complesse, apparse solo con la modernità, le euristiche portano a distorsioni del giudizio (bias) che danno luogo a decisioni errate.
Secondo Daniel Kahneman (pp.464-465 di Pensieri lenti e veloci - Mondadori) il nostro pensiero intuitivo non è facilmente educabile e ostacola il riconoscimento dei segnali ambientali che in certi casi renderebbero necessario il passaggio a un pensiero razionale e critico. Un osservatore esterno è sempre meno coinvolto emotivamente di colui che prende decisioni e compie azioni. Occorre quindi impegnarsi a costruire una "società critica", nella quale ci siano "osservatori critici" che sappiano avvertirci dei pericoli insiti in certe situazioni decisionali. Questo è un compito primario delle Istituzioni che devono investire in programmi di formazione al "pensiero critico" degli educatori scolastici. A livello individuale, ecco alcune attività perseguibili:

  1. Atteggiamento critico: sforzarsi di assumere un atteggiamento critico contrastando la tendenza umana innata di saltare subito alle conclusioni e prendere decisioni impulsive. Per approfondire andare alla pagina: Atteggiamento critico 
  2. Lettura: diversi studi confermano che l'attività di lettura migliora l'attività del cervello contrastando i deficit cognitivi e l'invecchiamento cerebrale. Per approfondire andare alla pagina: Lettura e Cervello. Inoltre, il  miglioramento cerebrale viene potenziato dalla lettura critica dei testi (non narrativi). 
  3. Apprendimento linguistico: recenti studi hanno confermato che imparare lingue diverse dalla propria (anche in età avanzata) migliora il rendimento cerebrale. Per approfondire andare alla pagina: Bilinguismo e incremento cognitivo

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Pagina aggiornata il 9 aprile 2016

 
copyright 2012-2016 Licenza Creative Commons
I contenuti di pensierocritico.eu sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu