Mindfulness: la meditazione ricorre al "momento presente" per allontanare la mente dal disagio del passato e del futuro - Pensiero Critico

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Mindfulness: la meditazione ricorre al "momento presente" per allontanare la mente dal disagio del passato e del futuro

Teorie > Concetti > Resilienza
Puoi condividere questa pagina:
Il punto chiave
Il cervello non è solo una macchina per pensare, e il corpo non è là per muoversi. (Anil Seth)
_
Sappiamo quale emozione stiamo vivendo in un dato momento solo grazie alle nostre sensazioni interocettive. (Kelly Mahler)
_
Il radicamento nel singolo corpo è [per l'uomo] il prezzo da pagare per accedere a qualsiasi esperienza qualitativa. (Gerald Edelman, Giulio Tononi)
_
Sembra che siamo programmati per alternare divagazione mentale e attenzione, e che le nostre menti siano disegnate per vagare, che la cosa ci piaccia o meno. Per adattarci a un mondo complesso abbiamo bisogno di fuggire dall'hinc et nunc, considerare futuri possibili, rimuginare sugli errori passati, comprendere come funzionano le menti deglia altri. Il vagare con la mente è soprattutto fonte di creatività, la scintilla dell'innovazione che porta nel lungo periodo a una crescita del benessere, piuttosto che a una sua diminuzione. (Michael Corballis)
_
Molti sistemi biologici periferici esistono all'interno di una rete di connessioni neurali ed endocrine che mediano l'influenza del cervello sulla funzione biologica periferica. Connessioni dal corpo al cervello sono bidirezionali nella maggior parte di questi sistemi. Questa disposizione anatomica e funzionale permette alla mente di influenzare il corpo e viceversa. La meditazione è una forma di addestramento mentale che coinvolge la volontaria alterazione di schemi di attività neurale e può avere effetti sulla biologia periferica attraverso questi meccanismi. (Richard Davidson)
_
Ciò che cerchiamo di fare è di creare un ambiente dove la gente possa imparare a rallentare nella vita - o forse anche a fermarsi - e familiarizzare con il calmare il corpo, osservando che cosa succede sia nel corpo sia nella mente e coltivando una certa sorta di intimità con il momento presente così com'è. Viviamo perlopiù nel futuro, preoccupandoci o pianificando, o nel passato, ricordando cose accadute prima e a volte deformandole del tutto. (Jon Kabat-Zinn)
_
La meditazione, o addestramento mentale, è in grado di modificare le reti neurali e di coordinare le oscillazioni nelle regioni del cervello. La meditazione è uno strumento molto potente. Regola le funzioni neuroendocrine, ormoni che hanno possenti effetti su praticamente ogni sistema del corpo. Abbiamo imparato che la meditazione accresce la consapevolezza e l'impegno e potenzialmente aumenta il benessere migliorando il sistema immunitario. Può di fatto limitare le malattie. (Ralph Snyderman da "La meditazione come medicina p. 220)
_
L'impatto dell'interocezione si estende oltre i riflessi omeostatici/allostatici: si propone che esso sia fondamentale per la motivazione, l'emozione (sentimenti affettivi e comportamenti), cognizione sociale e autocoscienza. Questa visione è supportata da un corpo crescente di prove sperimentali che collegano le funzioni fisiologiche periferiche ai processi mentali. (Manos Tsakiris, Hugo Critchley)
pensieri vaganti
Il problema della mente che vaga e i pensieri ruminativi (una mente che vaga è una mente infelice)

Una caratteristica spesso trascurata della mente umana è la sua propensione a vagare. Secondo uno studio condotto dagli psicologi Matthew A. Killingsworth e Daniel T. Gilbert (vedi bibliografia 2010), le persone passano il 46,9 per cento del loro tempo di veglia pensando a qualcosa di diverso da ciò che stanno facendo.

Questo "vagare" del pensiero, indipendente da stimoli, sembra essere la modalità di default della mente, che ha consentito grandi vantaggi evolutivi quali l'apprendimento, il ragionamento, la pianificazione, la creatività e tanti altri (e di questi aspetti scrive lo psicologo Michael Corballis nel libro "La mente che vaga").


Tuttavia esso può avere dei pesanti costi emotivi, come hanno evidenziato le psicologhe Sonja Lyubomirsky e Susan Nolan-Hoeksema (vedi bibliografia 1995). Infatti, quando l'oggetto delle divagazioni sono elaborazioni autoreferenziali focalizzate su se stessi, allora il pensiero ripetitivo e la predilezione per stati d'animo negativi provoca ciò che la Lyubomirsky e la Nolan-Hoeksema hanno denominato "ruminazione". Ci sono persone nelle quali questa tendenza a "ruminare" diventa un tratto stabile della loro personalità, portandole verso fenomeni depressivi più o meno gravi (vedi bibliografia 1993 Nolen-Hoeksema).

I risultati dello studio sperimentale (su 2250 volontari) di Killingsworth e Gilbert confermano che il vagare della mente è la causa dello stato di insoddisfazione e di infelicità delle persone. Essi scrivono che, durante l'esperimento:


Le menti delle persone vagavano spesso, a prescindere da ciò che stavano facendo. La mente vagava nel 46,9% dei campioni e non scendeva mai al di sotto del 30% durante ogni attività tranne quando facevano l'amore. Sorprendentemente, la natura delle attività delle persone ha avuto solo un impatto modesto sul vagare delle loro menti e quasi nessun impatto sulla piacevolezza delle attività che svolgevano.


La vita mentale dell'essere umano si fonda su un'architettura neurale formatasi in milioni di anni. Scrive lo psicologo Daniel Goleman nel libro "Intelligenza emotiva" (p.22):


Se parliamo in termini di biologia dei fondamentali circuiti neurali dell'emozione, dobbiamo ammettere che quelli di cui siamo dotati sono i meccanismi rivelatisi più funzionali nelle ultime cinquantamila generazioni umane - si badi bene, non nelle ultime cinquemila, e meno che mai nelle ultime cinque. Le forze che hanno plasmato le nostre emozioni, forze evolutive, lente e ponderate, hanno impiegato un milione di anni per compiere il loro lavoro; nonostante gli ultimi diecimila anni siano stati testimoni della rapida ascesa della civiltà e dell'esplosione della popolazione umana da cinque milioni a cinque miliardi di anime, essi hanno tuttavia lasciato pochissime tracce nella matrice biologica della vita emotiva umana.


I pensieri autoreferenziali possono essere di due tipi: duraturi (cioè con un focus narrativo costante, NF) o temporanei (con un focus esperienziale, EF). Il neurofisiologo Norman Farb (vedi bibliografia 2007), ha sottoposto a risonanza magnetica funzionale (fMRI) due gruppi di persone: il primo gruppo senza esperienze di meditazione, e il secondo gruppo con esperienze di partecipazione a un corso di 8 settimane di meditazione consapevole (Mindfulness). Scrive Norman Farb:


La meditazione di consapevolezza è una forma di allenamento al controllo dell'attenzione attraverso la quale gli individui sviluppano la capacità di dirigere e mantenere l'attenzione verso il momento presente (Kabat-Zinn et al., 1992; Segal et al., 2002). Il nostro studio ha esaminato le persone con training di meditazione mindfulness (MT) in aggiunta a un gruppo di novizi senza tale formazione, nel tentativo di determinare se il gruppo MT mostrasse una maggiore capacità di liberarsi dalla generazione narrativa e rivelare le reti neurali che supportano l'autocoscienza centrata sul presente.

Il consumo energetico del cervello e la scoperta della Default Mode Network

Era noto da tempo ai neuroscienziati che l'attività cerebrale non si ferma mai, ma solo nel 2001 il neuroscienziato Marcus Reichle riuscì a registrare l'attività cerebrale in varie condizioni (vedi bibliografia 2007). Scrive Richard Davidson nel libro "La meditazione come cura" (pp. 176-177):


Le osservazioni  di Reichle confermavano un fatto misterioso che era già noto da tempo nel campo della scienza del cervello: che quest'ultimo, pur costituendo solo il 2 per cento della massa corporea, consuma circa il 20 per cento dell'energia metabolica del corpo (misurata in base all'uso di ossigeno), e che il suo consumo di ossigeno rimane più o meno costante a prescindere da quello che stiamo facendo (incluso il non fare assolutamente nulla).  A quanto pare, il cervello rimane sempre indaffarato allo stesso modo, sia che ci stiamo rilassando sia che stiamo compiendo uno sforzo mentale. Dove si trovano, quindi, tutti quei neuroni che chiacchierano tra di loro mentre noi non facciamo nulla di particolare? Reichle identificò una serie di aree, tra cui soprattutto la mPFC (medial prefrontal cortex, o corteccia prefrontale mediale) e la PCC (posterior cingulate cortex, o corteccia cingolata posteriore), un nodo connesso al sistema limbico, e chiamò questi circuiti la "rete della modalità di default" (default mode network) del cervello.
Il cervello a riposo (nella Default Mode Network) e impegnato in un compito specifico
DMN
Default Mode Network di un individuo a riposo (area blu). Salience Network per raccoglie informazioni dai sensi e attiva il sistema limbico (area gialla). Central-Executive Network per la risoluzione di un problema specifico con l'attivazione di varie parti neocorticali (area rossa).
Pro e Contro della Default Mode Network
Il vagabondaggio della mente si attua in una serie di regioni corticali che sono attive quando il cervello è a riposo, cioè quando non è impegnato in un compito cognitivo specifico. Tali aree sono state denominate "Default Mode Network" (DMN). Scrive la psicologa Malia Mason (vedi bibliografia):

In assenza di un compito che richiede elaborazione deliberativa, la mente tende generalmente a vagare, passando da un pensiero all'altro con fluidità e facilità. Data la natura onnipresente di questo fenomeno, è stato suggerito che il vagabondaggio mentale costituisce una linea di base psicologica da cui le persone partono quando l'attenzione è richiesta altrove e alla quale ritornano quando i compiti non richiedono più una supervisione cosciente.

Lo psicologo Randy Buckner (vedi bibliografia) ha ipotizzato che la creazione della Default Mode Network nel cervello umano sia un risultato adattivo volto alla sopravvivenza, infatti essa permetteva (e permette) di esplorare gli eventi passati per creare o simulare scenari e aspettative future, e lo fa in un momento in cui il cervello non è impegnato in compiti che richiedono una forte attenzione.

Purtroppo, secondo vari ricercatori tra i quali il neuroscienziato Judson Brewer (vedi bibliografia), il vagabondaggio mentale ha degli effetti collaterali che lo mettono in correlazione con l'infelicità e con l'attivazione dell'elaborazione autoreferenziale, quindi con vari disturbi che vanno dall'ansia al deficit di attenzione e iperattività (ADHD) fino alla malattia di Alzheimer.
Una scimmia, un elefante e una lucertola nel cervello
model of mind
Come l'essere umano percepisce se stesso nel mondo
Nella figura: Inferenza e percezione. Le frecce verdi rappresentano le predizioni esterocettive (e gli errori di previsione) alla base del contenuto percettivo, come l'esperienza visiva di un pomodoro. Le frecce arancioni rappresentano le previsioni propriocettive dell'azione relativa e l'esperienza della proprietà del corpo. Le frecce blu rappresentano le previsioni interocettive che stanno alla base dell'emozione, dell'umore e della regolazione autonomica.

Il primo a introdurre nella terminologia medica propriocezione, interocezione ed esterocezione fu il premio Nobel Charles Scott Sherrington nel 1906. In particolare il termine interocezione è oggi oggetto di molti studi a causa della sua influenza nell'esperienza emotiva umana.

  • Propriocezione (proprioception): è la percezione inconscia (di natura neurologica) del movimento, della posizione e dell'equilibrio del proprio corpo dovuto ai propriocettori, cioè alle sensazioni provenienti dalle terminazioni nervose dei muscoli e delle articolazioni oltre che dall'orecchio interno

  • Interocezione (interoception): è la consapevolezza dei segnali provenienti dal corpo dell'individuo (dai suoi organi interni quali cuore, polmoni, stomaco, ecc)

  • Esterocezione (exteroception): è la consapevolezza di tutti gli stimoli provenienti ai sensi dal mondo esterno al soggetto (stimoli visuali, uditivi, olfattivi, tattili, gustativi)
Percezione umana
propriocezione interocezione esterocezione
Interocezione: il sé biologico

Il sé è una componente critica della coscienza, e la consapevolezza di sé, il "sentire", rivela una profonda e ineludibile radice corporea, che non risiede soltanto nel cervello: la retroazione del corpo, a livello propriocettivo ed interocettivo, coinvolge tutto il corpo (di cui il cervello, naturalmente, fa parte).


È necessario, dunque, secondo il neurofisiologo Antonio Damasio (vedi bibliografia 2003), superare il dualismo corpo/cervello in cui anche le neuroscienze sono ricadute, e considerare le due componenti, strettamente intrecciate, che costituiscono il sé, cioè il "sé mentale" (che crea continuamente mappe neurali di oggetti ed eventi del mondo esterno che attingendo alla memoria ci permettono di ricostruire un'autobiografia e un senso di identità), e il "sé biologico o immunologico" (che crea continuamente mappe neurali dello stato dei vari organi del corpo allo scopo di mantenerlo in vita).

Le recenti tecniche di brain imaging hanno permesso di dimostrare che il feedback, integrato centralmente nel cervello, e proveniente da varie parti del corpo gioca un ruolo determinante nell'esperienza emotiva.


La consapevolezza corporea di sè include l’interocezione, ovvero il sentire il nostro respiro, la nostra digestione, la nostra attivazione, il nostro dolore, la nostra fatica, ecc e allo stesso tempo una consapevolezza di movimento e coordinazione fra le diverse parti del corpo e fra il corpo e l’ambiente.

Essa concerne l’essere in un presente emozionale soggettivo. L'interocezione è un prodotto del sistema nervoso centrale, un costrutto basato sull'integrazione di varie fonti. Nel tempo il significato di interocezione si è trasformato da restrittivo (che prevede solo le sensazioni derivanti dai visceri) a inclusivo (come esperienza fenomenologica dello stato corporeo, esperienza che è un prodotto del sistema nervoso centrale).

Alcuni stimoli interocettivi
interocezione
Cliccare per ingrandire
Come la meditazione può cambiare i percorsi neurali bloccando il costante flusso narrativo
In assenza di compiti che richiedono attenzione deliberata la nostra mente tende a vagare, passando da un pensiero all'altro con fluidità. Come mostrato dagli studi degli psicologi Malia Mason et Al. (vedi bibliografia), questo vagabondaggio mentale segue dei percorsi neurali che costituiscono una modalità di base (chiamata Default Network) che si attenua quando l'attenzione della mente viene richiamata a un compito specifico. Le ricerche di Norman Farb si sono concentrate sul confronto neuronale di due tipi di focus attenzionale:

  • Focus narrativo: associato a esperienze nel tempo che seguono un percorso neurale posto nella corteccia mediale prefrontale

  • Focus esperienziale: associato all'esperienza somatica (basata sull'attenzione al corpo e al respiro) del "momento presente"

Scrive Jon Kabat Zinn nel libro "La meditazione come medicina" (p. 248):

L'addestramento del MBSR [un protocollo meditativo Mindfulness] di otto settimane si risolse in riduzioni marcate e pervasive dell'attività dei circuiti associati con il focus narrativo e un'aumentata attivazione della rete associata con il focus esperienziale. Ciò suggerisce che queste due forme molto diverse di auto referenzialità, che spesso avvengono in contemporanea, possono essere separate attraverso l'addestramento alla mindfulness, una scoperta che potrebbe essere di importanza clinica per allentare la presa di narrazioni egocentriche associate alla ruminazione mentale depressiva e ad altre abitudini inconsce di preoccupazione per se stessi e assorbimento in se stessi che causano e amplificano la sofferenza.

Le ricerche di Norman Farb offrono prove di plasticità attenzionale basate sull'esperienza, e dell'efficacia della meditazione sulla qualità dell'attenzione e la gestione delle emozioni. Scrive Carrie Heather (vedi bibliografia):

Ricerche recenti dimostrano che focalizzare l'attenzione sul flusso della narrazione della coscienza, come la memoria e l'autoconoscenza riflessiva, utilizza un percorso neurale separato rispetto a quello di focalizzare l'attenzione sull'esperienza sensoriale del momento presente. Secondo il neuropsicologo Norman Farb, esiste una fondamentale disconnessione neurale tra questi due distinti modi di autoconsapevolezza.

Quando dirigiamo la nostra attenzione sul respiro e sulle sensazioni corporee interne il nostro cervello si modifica, rafforzando il percorso neurale del focus esperienziale e sopprimendo il flusso indesiderato del focus narrativo. Attraverso la pratica meditativa costante diventa più facile accedere a questi percorsi neurali che incrementano l'attenzione per l'esperienza interiore (del corpo-cervello) nella vita quotidiana.
Scrive Norman Farb (vedi bibliografia 2007):

Un ostacolo allo studio della consapevolezza centrata sul presente è la consolidata tendenza della mente a vagare e diventare distratta dal momento presente in favore di un pensiero temporalmente distante e indipendente dallo stimolo.
Perchè la respirazione induce stati mentali quali il rilassamento o l'eccitazione
respiro
Dagli esperimenti condotti dagli psicologi Greg Feldman et Al. (vedi bibliografia), è emerso che gli esercizi di respirazione, tipici della Mindfulness, riducono la reattività ai pensieri ripetitivi in misura maggiore rispetto ad altre tecniche quali: il rilassamento muscolare progressivo (PMR) e la meditazione amorevole (LKM).
Non molti sanno che un sospiro è molto più di un respiro, infatti un sospiro è un respiro profondo che gonfia gli alveoli (sacche dove l'ossigeno entra e l'anidride carbonica lascia il flusso sanguigno). In media ogni persona sana sospira (involontariamente) ogni cinque minuti. In persone malate a volte gli alveoli collassano, compromettendo il ricambio ossigeno-anidride e, se non ci fossero i sospiri (che introducono il doppio di ossigeno dei respiri), la funzionalità polmonare verrebbe in breve compromessa. Un recente studio dei neurobiologi Jack Feldman e Mark Krasnow (vedi bibliografia Krasnow) condotto su roditori, ha individuato un gruppo di 200 neuroni nel tronco cerebrale, la cui funzione è quella di regolare gli stati mentali (dal rilassamento all'eccitazione) agendo sulla respirazione. Ad esempio incrementando il numero di sospiri da 40 all'ora a più di 400 all'ora per coloro che hanno una funzione respiratoria debilitata, o riducendo il numero di sospiri per coloro che soffrono di stati d'ansia, infatti lo stress aumenta la frequenza dei sospiri. Le radici emotive del sospiro consapevole sono però ancora sconosciute.
Altan
Presente e futuro della meditazione

Gli psicologi Daniel Goleman e Richard Davidson, nel loro libro "La meditazione come cura", nel quale sintetizzano le loro più recenti scoperte sugli effetti della meditazione sull'essere umano, suddividono le tipologie meditative in cinque livelli:


  • Livello 1: è il livello più profondo, praticato dagli yogin tibetani secondo la tradizione del buddhismo theravada

  • Livello 2: è la meditazione del livello 1 adattata in forma più accettabile per la cultura occidentale

  • Livello 3: si tratta delle pratiche del livello 2 depurate degli aspetti spirituali e rivolte alla riduzione dello stress, quali ad esempio il protocollo MBSR (Mindfulness-based stress reduction) di Jon Kabat-Zinn o le tecniche di meditazione trascendentale

  • Livello  4: sono forme di meditazione annacquate per renderle accessibili a un maggior numero di persone, quali ad esempio le app che ci ricordano di fare un minuto di meditazione e simili (ad esempio, per android: 5 Minuti Meditazione, Headspace, Chakra Meditazione, ecc)

  • Livello  5: è un livello oggi in fase di formazione, con lo scopo di ampliare ulteriormente l'impiego della meditazione e favorire la calma interiore presso tutti i gruppi sociali.


L'Università del Wisconsin ha avviato un programma, che impiega apposite app, per estendere la meditazione nelle aziende: il programma "Healthy Minds @Work".
Cos'è e a che serve la Mindfulness

La Mindfulness è una terapia cognitiva finalizzata a sviluppare la "consapevolezza" del paziente mediante l'impiego di pratiche meditative (vedi bibliografia Davies e Hayes). Lo studio del neurofisiologo Norman Farb, citato all'inizio della pagina, riporta gli esiti di molti altri studi analoghi su pazienti depressi, che non prevedevano il confronto con la meditazione. Nell'esperimento di Farb questo confronto si è rivelato favorevole ai soggetti che, praticando il protocollo meditativo, avevano acquisito la capacità di concentrarsi sul "momento presente". Scrive Farb nelle conclusioni del suo studio:

I risultati della connettività funzionale suggeriscono che una modalità predefinita di auto-consapevolezza può dipendere dall'accoppiamento abituale tra regioni corticali che supportano le rappresentazioni cognitive-affettive del sé e alcune immagini neurali viscerosomatiche laterali dello stato del corpo. Questa doppia modalità di auto-riferimento si nota meglio dopo la meditazione Mindfulness, dove queste modalità si disaccoppiano mediante l'allenamento dell'attenzione. Questa ipotizzata riorganizzazione corticale dopo la meditazione è coerente con l'idea che la meditazione consente una distinta modalità esperienziale in cui pensieri, sentimenti e sensazioni corporee sono visti meno come buoni o cattivi o integrali al "sé" e trattati più come eventi mentali transitori che possono essere semplicemente osservati. Come tale, la capacità di disimpegnare la narrativa estesa e duratura e impegnarsi in più modalità neurali momentanee di autofocus ha importanti implicazioni per i disturbi dell'umore e dell'ansia, dato che le narrazioni durature aumentano la vulnerabilità della persona. Invece, un numero crescente numero di prove suggerisce che l'avvicinarsi all'esperienza di sé attraverso un focus più centrato sul presente può avere un effetto positivo sul benessere umano.

Su cosa sia e a cosa tenda la meditazione, si sono espressi molti neuroscienziati tra i quali il biologo molecolare Jon Kabat-Zinn che nel libro "La meditazione come medicina" ha chiarito la sua funzione, da lui attuata con due dei protocolli oggi più usati al mondo: MBSR e MBCT. Scrive Jon Kabat-Zinn (p. 49):

Ciò che cerchiamo di fare è di creare un ambiente dove la gente possa imparare a rallentare nella vita - o forse anche a fermarsi - e familiarizzare con il calmare il corpo, osservando che cosa succede sia nel corpo sia nella mente e coltivando una certa sorta di intimità con il momento presente così com'è. Viviamo per lo più nel futuro, preoccupandoci o pianificando, o nel passato, ricordando cose accadute prima e a volte deformandole del tutto.

In particolare il protocollo MBCT (Mindfulness-Based Cognitive Therapy), nato con lo scopo di affrontare i più comuni disturbi emotivi (ansia, depressione, ecc), si attua attraverso il non reprimere i pensieri negativi, ma osservarli come facenti parte del panorama della mente e servirsi dell'ancoraggio al corpo e al respiro per accettarli lentamente. Un articolo che riassume l'esito di un seminario tenuto nel 2016 dalla Harvard Medical School "Now and Zen: How mindfulness can change your brain and improve your health" riporta le differenze tra varie tipologie meditative ed è reperibile in bibliografia.
Come cambia la mente nella meditazione
DMN
A sinistra la mente nella condizione di Default Mode Network (mente errante, non focalizzata) e a destra la mente focalizzata in meditazione. Le aree arancione, gialla e verde rappresentano vari livelli di attività cerebrale e onde. Le regioni blu indicano minore attività e intensità (onde calme).
Conclusioni (provvisorie): importanza del corpo per la costituzione della "mente"
Le neuroscienze, finora, hanno preso in considerazione prevalentemente la relazione mente-cervello, che ha oscurato il ruolo del corpo nella costituzione degli stati mentali. Allo stato attuale delle ricerche, invece, non si può più considerare il corpo semplicemente il “contenitore” del cervello: il suo ruolo sembra altrettanto fondamentale per costituire ciò che si definisce, in modo ancora nebuloso, la "mente".

La Mindfulness è una terapia cognitiva che allena l'individuo alla "consapevolezza", cioè a vedere i pensieri come eventi nella mente piuttosto che come riflessi della realtà. Essa si basa sul decentramento mentale che implica la visione dell'esperienza interna con maggiore obiettività, e spinge a cambiare la propria relazione con i propri pensieri piuttosto che cercare di alterare il contenuto dei pensieri. Essa riduce la "ruminazione" sui propri pensieri negativi.
Quando si è "nervosi", ad esempio, non sempre è possibile risalire ad un evento specifico che produce tale tensione, che si verifica principalmente a livello corporeo: è la relazione con il mondo in generale a provocare uno stato tensivo. L’origine può essere esterna o interna e le emozioni agiscono da regolatore di ciò che accade sia nella mente sia nel corpo, determinando il nostro stato di benessere o malessere. Le emozioni derivano spesso dalle esperienze fatte in passato dal soggetto oppure provengono dai suoi desideri per il futuro. Per sfuggire ad esse la meditazione propone un ancoraggio al momento presente, cioè alla percezione del proprio corpo, ai suoi ritmi vitali e al proprio respiro. Ci sono sempre più conferme sperimentali all'efficacia di tale approccio.
La razionalità richiede impegno personale!
Iscriviti alla Newsletter di pensierocritico.eu per ricevere in anteprima nuovi contenuti e aggiornamenti:
Bibliografia (chi fa delle buone letture è meno manipolabile)


Commenti
Se ritenete che le tesi del "punto chiave" non vengano sufficientemente supportate dagli argomenti presenti in questa pagina potete esprimere il vostro parere (motivandolo).
Inviate una email con il FORM. Riceverete una risposta. Grazie della collaborazione.
Libri consigliati
a chi è interessato a capire il ruolo della meditazione nella gestione della mente
Michael Corballis
Daniel Goleman
Daniel Stern
Daniel Siegel
Daniel Goleman, Richard Davidson
Francesco Bottaccioli
Dalai Lama, Jon Kabat-Zin, Richard Davidson
Spesa annua pro capite in Italia per gioco d'azzardo 1.583 euro, per l'acquisto di libri 58,8 euro (fonte: l'Espresso 5/2/17)
Cosa si può fare per diventare "pensatori critici"
E' stato ampiamente dimostrato negli ultimi 30-40 anni da parecchi psicologi tra i quali Amos Tversky, Daniel Kahneman, Gerd Gigerenzer e altri, che l'essere umano crede di essere razionale ma non lo è. Quando un individuo si trova a prendere decisioni in condizioni di incertezza il più delle volte usa un "pensiero intuitivo" facendo ricorso alle euristiche, cioè a scorciatoie mentali maturate nel corso dell'evoluzione. Nella maggior parte delle situazioni della vita quotidiana le decisioni euristiche si rivelano giuste ma in situazioni più complesse, apparse solo con la modernità, le euristiche portano a distorsioni del giudizio (bias) che danno luogo a decisioni errate.
Secondo Daniel Kahneman (pp.464-465 di Pensieri lenti e veloci - Mondadori) il nostro pensiero intuitivo non è facilmente educabile e ostacola il riconoscimento dei segnali ambientali che in certi casi renderebbero necessario il passaggio a un pensiero razionale e critico. Un osservatore esterno è sempre meno coinvolto emotivamente di colui che prende decisioni e compie azioni. Occorre quindi impegnarsi a costruire una "società critica", nella quale ci siano "osservatori critici" che sappiano avvertirci dei pericoli insiti in certe situazioni decisionali. Questo è un compito primario delle Istituzioni che devono investire in programmi di formazione al "pensiero critico" degli educatori scolastici. A livello individuale, ecco alcune attività perseguibili:

  1. Atteggiamento critico: sforzarsi di assumere un atteggiamento critico contrastando la tendenza umana innata di saltare subito alle conclusioni e prendere decisioni impulsive. Per approfondire andare alla pagina: Atteggiamento critico 
  2. Lettura: diversi studi confermano che l'attività di lettura migliora l'attività del cervello contrastando i deficit cognitivi e l'invecchiamento cerebrale. Per approfondire andare alla pagina: Lettura e Cervello. Inoltre, il  miglioramento cerebrale viene potenziato dalla lettura critica dei testi (non narrativi). 
  3. Apprendimento linguistico: recenti studi hanno confermato che imparare lingue diverse dalla propria (anche in età avanzata) migliora il rendimento cerebrale. Per approfondire andare alla pagina: Bilinguismo e incremento cognitivo

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Pagina aggiornata il 21 marzo 2018

 
copyright 2012-2018 Licenza Creative Commons
I contenuti di pensierocritico.eu sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Protected by Copyscape
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu