Il linguaggio ostacola l'esperienza percettiva, favorisce la menzogna (anche verso se stessi) e crea un conflitto interno al soggetto - Pensiero Critico

Cerca nel sito
Privacy Policy
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il linguaggio ostacola l'esperienza percettiva, favorisce la menzogna (anche verso se stessi) e crea un conflitto interno al soggetto

Teorie > Concetti > Linguaggio
Puoi condividere questa pagina:
Il punto chiave

Il linguaggio è un'arma a doppio taglio. Esso inserisce un cuneo tra l'esperienza vissuta e quella verbalmente rappresentata. (Daniel N. Stern)

fiaba
Perchè l'essere umano mente, spesso, inconsapevolmente?

I vantaggi del linguaggio sono così ovvi che non vale neanche la pena parlarne: esso consente le relazioni interpersonali, arricchisce gli scambi sociali e determina l'ingresso in una specifica comunità culturale. Senza linguaggio l'essere umano non sarebbe quel che è e noi non staremmo qui a scriverne. Il linguaggio, però, consente anche di parlare dei suoi svantaggi, cioè di cosa sottrae all'essere umano.

Ad esempio, a volte, ci chiediamo come facciano certe persone a mentire spudoratamente e alcune di queste, quando poste di fronte all'evidenza, negare anche quella. Ci sono dei buoni motivi e la psicologia li ha studiati. Tutto nasce molto presto nella vita di una persona e precisamente quando il linguaggio fa la sua comparsa nella vita di ogni bambino, cioè nel secondo anno di vita.

Come scrive uno dei più autorevoli studiosi dello sviluppo infantile, lo psicoanalista Daniel N. Stern, che ha dedicato un'intera vita a studiare la nascita del senso del Sé nel bambino (Il mondo interpersonale del bambino - Bollati Boringhieri p.169):


A prima vista sembrerebbe che il linguaggio non possa arrecare altro che vantaggi all'espansione dell'esperienza interpersonale. Esso ci consente, infatti, di partecipare più facilmente agli altri le nostre esperienze; permette a due persone di dar vita scambievolmente a nuovi significati prima sconosciuti e che non potevano esistere fintanto che le esperienze relative non erano esprimibili in parole; infine, il linguaggio consente al bambino di cominciare a costruire una narrazione della propria vita. E tuttavia in realtà il linguaggio è un'arma a doppio taglio.

Esso fa sì che parti della nostra esperienza divengano più difficilmente comunicabili a noi stessi e agli altri. Inserisce un cuneo fra due forme simultanee di esperienza interpersonale: quella vissuta e quella verbalmente rappresentata.

L'esperienza percettiva globale che si perde con il linguaggio

Il bambino fa un'esperienza percettiva globale del mondo, cioè con caratteristiche amodali, non legate a nessun particolare canale sensoriale. Scrive Stern (p.182):


Consideriamo per esempio un bambino che osserva una macchia gialla di sole sulla parete. Il bambino sperimenterà l'intensità, il calore, la forma, la brillantezza, il piacere e altri aspetti amodali della macchia. Il fatto che la macchia sia gialla non è molto importante, anzi non lo è per niente. Mentre guarda la macchia e la sente-percepisce, il bambino vive un'esperienza globale che è la risultante di una serie di esperienze  amodali, o qualità percettive primarie, inerenti alla macchia di luce: intensità, calore ecc. Per poter mantenere questa prospettiva altamente flessibile e onnidimensionale sulla macchia, il bambino deve restare cieco a quelle particolari proprietà (qualità percettuali secondarie e terziarie, come ad esempio il colore) che specificano il canale sensoriale attraverso il quale la macchia viene sperimentata. Non deve notare nè essere consapevole del fatto che si tratta di un'esperienza visiva. Ma il linguaggio costringerà il bambino a fare proprio questo. Qualcuno entrerà nella stanza ed esclamerà; "Oh! Guarda che bella macchia 'gialla' di luce!". [...] Il linguaggio può dunque spezzare l'esperienza globale amodale, introducendo una discontinuità. Ciò che probabilmente accade nel corso dello sviluppo è che la versione linguistica 'luce gialla' di tali esperienze percettive diventa la versione ufficiale, mentre la versione amodale scompare nel profondo, per riemergere solo quando condizioni particolari sopprimono o controbilanciano la supremazia della versione linguistica.

L'Arte favorisce il recupero dell'esperienza percettiva globale
Le esperienze che possono far riemergere la condizione percettiva infantile sono, secondo Stern, quelle di certi stati meditativi o emotivi, e quelle artistiche che esulano dal linguaggio (come l'arte simbolista di Gauguin, Redon, Van Gogh e molti altri); oppure che usano il linguaggio come i poeti simbolisti (Baudelaire, Verlaine, Rimbaud, ecc) che tentano di dare vita a una realtà nascosta in cui scorgere l'intima essenza delle cose.

Sulla perdita della capacità esperienziale di ogni bambino scrive Stern (pp.182-183):

L'avvento del linguaggio rappresenta per il bambino un'arma a doppio taglio. Ciò che comincia a perdere (o a rendere latente) è moltissimo. Il bambino viene ammesso in una più ampia comunità culturale, ma rischia di perdere la forza e la pienezza dell'esperienza originaria.



Van Gogh e l'espressione triste della sua epoca
Vincet Van Gogh
L'incontro di Vincent Van Gogh con il dottor Gachet avvia una nuova fase nella pittura di Van Gogh che finisce per rispecchiarsi in lui (cliccare sull'immagine per conoscere le condizioni in cui Van Gogh conobbe il dott.Gachet e dipinse questo quadro).
Campo di grano con volo di corvi: l'angoscia di Vincent Van Gogh espressa in pittura poco prima del suicidio
Van Gogh
Le parole di Van Gogh in una lettera al fratello Theo nella quale descrive il suo quadro, sono palesemente insufficienti ad esprimere la sua angoscia più di quanto il quadro stesso sappia fare: 'sono campi estesi di grano sotto cieli agitati e non avevo bisogno di uscire dalla mia condizione per esprimere tristezza e solitudine estrema'. (Cliccare per ingrandire)
Quando il linguaggio svela una patologia: il doppio legame

Quando due persone si incontrano e si salutano, ciascuno dei due interpreterà il saluto ricevuto in funzione di molti fattori: natura della relazione tra i due, stato della loro relazione da quando si erano visti l'ultima volta, tempo trascorso dal loro ultimo incontro, sesso, norme culturali, ecc. In base a questi fattori essi si aspetteranno di ricevere un saluto di una certa intonazione, intensità, entusiasmo accompagnati da coerenti espressioni di viso, occhi (spalancati o no?) e bocca (sorriso o no?). Se vi saranno scostamenti rispetto alle aspettative, ciascuno dei due si chiederà ' ma cosa significa ? '.

La scissione tra l'espressione verbale e quella non verbale è stata chiamata da Gregory Bateson (ved. bibliografia) 'doppio legame' (o 'doppio vincolo'), e tutti ne siamo consapevoli quando la vediamo agire sugli altri, ma non possiamo vederla su noi stessi. Scrive Stern (p.185):


Quando due messaggi, in genere verbale e non verbale, sono radicalmente contrastanti, abbiamo la situazione che è stata definita di "doppio legame" (Bateson, Jackson e altri, 1956). In genere il messaggio non verbale è quello che si intendeva trasmettere, e il messaggio verbale è quello "registrato". Quest'ultimo è quello di cui siamo ufficialmente responsabili.


Il 'doppio legame' mostra la differenza tra la falsità dell'espressione verbale e la verità di quella non verbale. L'espressione verbale ha la caratteristica di essere responsabilizzante, cioè di non poter essere negata, mentre quella non verbale ha la caratteristica di essere ritrattabile, e di poter essere quindi negata. In tal modo, l'essere umano mantiene una certa elasticità e fluidità nella sua comunicazione con gli altri ma perde il contatto diretto con la propria esperienza personale. Il doppio legame diventa patologico, in certi gruppi familiari, aprendo la strada alla schizofrenia.

linguaggio
da Stern (p.186): Chi parla ha bisogno di una forma di comunicazione che sia ritrattabile. Esprimere ostilità, sfidare la competenza altrui, ovvero esprimere amicizia o affetto in modo tale da poterlo poi negare può rappresentare un vantaggio dal punto di vista della responsabilità. Se non esistesse un canale di comunicazione ritrattabile, e se i profili dell'intonazione divenissero così precisamente riconoscibili ed espliciti da rendere le persone responsabili delle loro intonazioni, si svilupperebbe senz'altro qualche altra forma di comunicazione ritrattabile.
Mentire agli altri e anche a se stessi

Ciascuno di noi ha la possibilità, per mezzo del linguaggio, di distorcere la realtà e di mentire anche a se stesso. Scrive Stern (pp.186-187):


Una delle conseguenze di questa inevitabile divisione fra ciò che è ritrattabile e ciò per cui si è responsabili  è che ciò che si può negare agli altri diventa in misura sempre maggiore negabile a sé stessi. Il linguaggio apre la strada all'inconscio. Prima del linguaggio tutti i comportamenti hanno la stessa importanza, per quanto concerne il senso di 'proprietà'. Con l'avvento del linguaggio alcuni acquisiscono una condizione privilegiata da questo punto di vista. I molti messaggi trasmessi dai molti canali vengono frammentati dal linguaggio e disposti in ordine gerarchico lungo la dimensione responsabilità/ritrattabilità.

La scissione del Sé del bambino venne postulata dallo psicoanalista Donald Winnicott (ved. bibliografia) nei primi anni '50. Egli ipotizzò la scissione del Sé in due domìni chiamati "falso Sé"  (che è quello compiacente che permette la vita di relazione e si esprime con il linguaggio) e "vero Sé " (che è la fonte dei veri impulsi personali). In ogni mente si svolge la battaglia tra il soddisfacimento di desideri e bisogni di qualcun altro (all'inizio principalmente la madre), cioè il "falso Sé", e i propri desideri, cioè il "vero Sé".
Questa scissione avviene nei primi mesi di vita quando il bambino si rende conto, di fronte alle continue sollecitazioni verbali della madre (ad esempio: dai, mangia la pappa, è vero che ti piace?), che se decidesse di rifiutare quelle sollecitazioni rischierebbe di perdere l'amore della madre (che è in quel momento la cosa per lui più importante). Nel dominio del "vero Sé" la madre si mantiene indisponibile. Solo nel dominio del "falso Sé " il bambino può fruire della comunione con un altro e della validazione delle sue conoscenze. Di questo processo scrive anche Stern (pp.230-231):

Nella creazione di un "falso Sé" e di un "vero Sé" l'esperienza personale del Sé viene scissa in due. Alcune esperienze vengono scelte e incrementate perchè vengono incontro ai bisogni e ai desideri di qualcun altro  (il falso Sé), nonostante possano divergere dalle esperienze di sé  più strettamente determinate mediante un "progetto interno" (il vero Sé) [...] L'elemento nuovo che si presenta al livello della relazione verbale è rappresentato dal fatto che il linguaggio diventa uno strumento per ratificare la scissione e conferire al "falso Sé" la condizione privilegiata della rappresentazione verbale.

Il linguaggio, dunque, scinde il Sé del bambino facendo sì che il Sé verbale ("falso Sé") e il Sé esistenziale ("vero Sé") possano essere molto distanti ma, allo stesso tempo, il linguaggio e il pensiero simbolico danno al bambino la possibilità di distorcere e trascendere la realtà. Prima di acquisire il linguaggio il bambino può solo vivere la realtà percepita dai sensi, dopo aver acquisito la capacità linguistica il bambino è in grado, invece, di distorcere e trascendere la realtà, nel bene o nel male.

Sdoppiamenti
psicoterapia
Nell'esperienza psicoterapeutica tutto ciò che è clinicamente importante, nel linguaggio è invisibile o muto. Si hanno due versioni di uno stesso episodio: la vita vissuta nella memoria episodica e la sua rappresentazione nella memoria semantica.
Quando il falso Sé porta verso l'insoddisfazione e l'irrealtà

Se il "falso Sé " di quel bambino è diventato prevalente schiacciando la sua personalità c'è il rischio che egli, da adulto, rimanga inconsciamente condizionato da esso nelle sue relazioni con gli altri a discapito del suo "vero Sé" e della sua specificità.


Donald Winnicott ha proposto, nel suo libro più famoso (Gioco e realtà - Armando editore), che il gioco sia per il bambino il mediatore tra la realtà interna e quella esterna. Giocando, il bambino mette qualcosa di sé negli oggetti del suo gioco e, così facendo, incontra  e contemporaneamente crea la realtà. Solo l'attuazione di questo processo mentale determina, secondo Winnicott, la salute mentale e la felicità futura del soggetto.

svantaggi linguaggio
Imparare a gestire il proprio conflitto interno

Ognuno di noi può constatare la verità di quest'assunto quando, in una situazione lavorativa, familiare, associativa, politica, ecc. percepisce un disagio e un senso di generale insoddisfazione, dovuto al conflitto con le inclinazioni personali, che non riesce a risolvere con le proprie forze. 

Se il "falso Sé" dell'adulto ha completamente forgiato il suo modo di relazionarsi con gli altri non resta che rivolgersi a uno/a psicoterapeuta.

Se invece, come nella maggior parte dei casi, il "falso Sé" crea solo lievi sensi di colpa che non consentono al soggetto di sottrarsi alle richieste degli altri, occorre imparare a dire no, cioè a diventare 'assertivi '.

imparare a dire no
Molte persone, nella relazione con gli altri, adottano un atteggiamento di passività che, in certe occasioni, cambia repentinamente in aggressività. Questo è il segno di una relazione poco equilibrata con se stessi (rapporto tra il falso Sè e il vero Sé del soggetto) e con gli altri. Per migliorare il rapporto con il proprio ambiente occorre, innanzitutto, imparare a gestire il proprio conflitto interno.
La nostra "versione dei fatti" è spesso lontana dalla realtà
Un esempio di come una persona non assertiva interpreta erroneamente i fatti che le accadono è tratto dalle riflessioni dello psicoterapeuta Claudio Ajmone (ved. bibliografia):

Alla vigilia del primo appuntamento con una persona che ci piace essa ci telefona per dirci che ha avuto un contrattempo e non potrà venire. Noi ci diciamo "Trova scuse, non vuole vedermi!" Bene, non mi preoccuperò più di cercarla!" Quando quella persona ci contatta noi ci mostriamo freddi al telefono, l'altra persona se ne rende conto e recepisce che non ci è gradita. 
Non ci contatta più. Peccato però che era stata davvero colta da un contrattempo e che ci teneva ad incontrarci.

Quando non ci accontentiamo di accettare le cose per come ci vengono presentate tendiamo ad interpretare il comportamento altrui e le situazioni. Interpretando gli eventi distorciamo la realtà in conformità alle nostre esigenze, alla nostra versione dei fatti. 

Interpretando le intenzioni altrui otteniamo un incremento della nostra aggressività: troviamo una giustificazione per riversare sull'altro la responsabilità del nostro disagio, quindi proviamo rabbia o rancore nei suoi confronti. Le persone non assertive ricorrono all'interpretazione quando le cose non vanno come loro vorrebbero. Il pericolo principale dell'interpretazione sono le conseguenze che essa comporta. 

Chi interpreta finisce per accettare come vere le sue affermazioni, distorcendo così le relazioni con gli altri. Dobbiamo imparare a non interpretare. Se abbiamo dubbi dobbiamo cercare riscontri reali alle nostre teorie. Ipotesi e realtà non vanno confuse. L'interpretazione è una forma di allucinazione.
Bibliografia (chi fa delle buone letture è meno manipolabile)


  • Daniel N. Stern (2002), The first relationship - (PDF) - Intero libro sul rapporto tra madre e bambino (in inglese)

Commenti
Se ritenete che le tesi del "punto chiave" non vengano sufficientemente supportate dagli argomenti presenti in questa pagina potete esprimere il vostro parere (motivandolo).
Inviate una email con il FORM. Riceverete una risposta. Grazie della collaborazione.
Libri consigliati a chi vuole imparare a gestire il proprio conflitto interno
 
Stern
Winnicott
Francesca Baggio
Cosa si può fare per diventare "pensatori critici"
E' stato ampiamente dimostrato negli ultimi 30-40 anni da parecchi psicologi tra i quali Amos Tversky, Daniel Kahneman, Gerd Gigerenzer e altri, che l'essere umano crede di essere razionale ma non lo è. Quando un individuo si trova a prendere decisioni in condizioni di incertezza il più delle volte usa un "pensiero intuitivo" facendo ricorso alle euristiche, cioè a scorciatoie mentali maturate nel corso dell'evoluzione. Nella maggior parte delle situazioni della vita quotidiana le decisioni euristiche si rivelano giuste ma in situazioni più complesse, apparse solo con la modernità, le euristiche portano a distorsioni del giudizio (bias) che danno luogo a decisioni errate.
Secondo Daniel Kahneman (pp.464-465 di Pensieri lenti e veloci - Mondadori) il nostro pensiero intuitivo non è facilmente educabile e ostacola il riconoscimento dei segnali ambientali che in certi casi renderebbero necessario il passaggio a un pensiero razionale e critico. Un osservatore esterno è sempre meno coinvolto emotivamente di colui che prende decisioni e compie azioni. Occorre quindi impegnarsi a costruire una "società critica", nella quale ci siano "osservatori critici" che sappiano avvertirci dei pericoli insiti in certe situazioni decisionali. Questo è un compito primario delle Istituzioni che devono investire in programmi di formazione al "pensiero critico" degli educatori scolastici. A livello individuale, ecco alcune attività perseguibili:

  1. Atteggiamento critico: sforzarsi di assumere un atteggiamento critico contrastando la tendenza umana innata di saltare subito alle conclusioni e prendere decisioni impulsive. Per approfondire andare alla pagina: Atteggiamento critico 
  2. Lettura: diversi studi confermano che l'attività di lettura migliora l'attività del cervello contrastando i deficit cognitivi e l'invecchiamento cerebrale. Per approfondire andare alla pagina: Lettura e Cervello. Inoltre, il  miglioramento cerebrale viene potenziato dalla lettura critica dei testi (non narrativi). 
  3. Apprendimento linguistico: recenti studi hanno confermato che imparare lingue diverse dalla propria (anche in età avanzata) migliora il rendimento cerebrale. Per approfondire andare alla pagina: Bilinguismo e incremento cognitivo

argomentazione
Nota
Questa pagina web descrive sinteticamente concetti psicoanalitici, come il falso Sé e il vero Sé, che sono molto complessi e rischiano di essere banalizzati da una pagina divulgativa come questa. Se si ha interesse per questa materia sarebbe meglio leggere i testi originali che, però, richiedono competenze psicologiche e psicoanalitiche di base.
ALTAN
Struttura argomentativa di questa pagina web
La struttura argomentativa di questa pagina è la seguente:

  • PROBLEMA: gli esseri umani, spesso, mentono agli altri e, inconsapevolmente, anche a se stessi
  • Tesi: l'apprendimento del linguaggio, separa l'esperienza vissuta dalla sua rappresentazione verbale
  • Argomenti (a sostegno della Tesi): esistono alcune ricerche psico-pedagogiche (ved. bibliografia - Daniel Stern, Donald Winnicott) che mostrano come nel bambino il linguaggio promuova la creazione di un "falso Sé " che, nel caso in cui sia talmente forte da riuscire a schiacciare i veri impulsi del bambino ("vero Sé "), determinerà nell'adulto comportamenti di passività o aggressività, dovuti al conflitto tra la realtà vissuta e le inclinazioni personali, che danneggeranno le sue relazioni con gli altri producendo nel soggetto sentimenti di generale insoddisfazione e infelicità.
  • Antitesi: N/A: Non applicabile perchè la ricerca psicoanalitica degli ultimi 50-60 anni ha accettato e ulteriormente sviluppato i concetti espressi da Donald Winnicott. Una sintesi degli orientamenti espressi da alcuni dei principali psicoanalisti è espressa qui.
  • Argomenti (a sostegno dell'Antitesi): N/A
  • Confutazione (dell'Antitesi): N/A
  • CONCLUSIONE: per vivere nel proprio ambiente sociale in modo sano ed equilibrato occorrerebbe non farsi condizionare troppo dal proprio "falso Sé ", nel caso in cui esso minacci l'equilibrio psichico del soggetto. Ogni persona dovrebbe porsi l'obiettivo di diventare più assertiva, imparando a gestire il proprio conflitto interno, e adottando  una relazione con gli altri che eviti sia di prevaricare che di essere prevaricati. 

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Pagina aggiornata il 13 maggio 2015

 
copyright 2012-2016 Licenza Creative Commons
I contenuti di pensierocritico.eu sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu