Brain
brain
europa
critic
Coloro cui sfugge completamente l'idea che è possibile aver torto non possono imparare nulla, tranne la tecnica. (Gregory Bateson)
Vai ai contenuti
Strati del Web: dalle ricerche Google al Deep Web e giù fino al Dark Web
TEORIE > METODI > INTELLIGENZA ARTIFICIALE
Scopo di questa pagina
Si stima che il web di superficie (Surface Web), indicizzato dai motori di ricerca, sia compreso tra l'1 e il 5% dell'intero web. E' pur vero che la maggior parte delle ricerche possono essere soddisfatte dal Surface Web, ma occorre tener conto che, per particolari temi di ricerca potrebbe essere necessario accedere agli altri strati del web, infatti al di là del Surface Web esistono altri due strati: il Deep Web (web profondo) che contiene tutti quei contenuti privati (database accessibili con autenticazione) non indicizzati dai motori di ricerca, e il Dark Web (web oscuro) sfruttato sia per attività legali, sia per attività criminali. Nel Dark Web si trovano tutti gli "orrori" che la mente umana è in grado di pensare: dalla commissione di omicidi al traffico di armi e droghe; dalla pedofilia alle torture e al traffico di organi umani, e un catalogo infinito di perversioni da cui è meglio stare lontani...
La struttura del Web e le sue stratificazioni

Il Web è complesso e ha varie stratificazioni. Gli strati del web vanno al di là dei contenuti di superficie facilmente accessibili con i motori di ricerca. Si stima che il web di superficie (Surface Web), indicizzato dai motori di ricerca, sia compreso tra l'1 e il 5% dell'intero web (4% è la stima più accreditata). Al di là del Surface Web esistono altri due strati: il Deep Web (web profondo) che contiene tutti quei contenuti privati (database accessibili con autenticazione) non indicizzati dai motori di ricerca, e il Dark Web (web oscuro) sfruttato sia per attività legali, sia per attività criminali quali commercio di droghe, armi, organi umani, pedofilia, ecc.
La ricercatrice Kristin Finklea, nel suo report "Dark Web" (vedi bibliografia), esprime così la sue considerazioni finali (p.14):

Il Deep Web e il Dark Web hanno attirato un crescente interesse di ricercatori, forze dell'ordine, e responsabili politici. Tuttavia,  dati chiari sulla portata e la natura di questi strati di Internet non sono disponibili; l'anonimato spesso offerto da servizi come Tor per gli utenti che accedono agli strati più profondi del web contribuiscono a questa mancanza di chiarezza, così come la natura a volte temporanea dei siti web lì ospitati. Gli individui, le imprese e i governi possono tutti fare affidamento sul digitale sommerso. Esso può essere utilizzato per attività legali e illegali che vanno dal mantenere la privatezza delle comunicazioni alla vendita di prodotti di contrabbando. Nonostante alcuni risultati ottenti nell'aumentare la privacy e sicurezza online, i ricercatori si sono chiesti se ci sarà un corrispondente aumento delle persone che si rivolgono a servizi di anonimizzazione come Tor. Essi hanno suggerito che, mentre potrebbe non esserci un incentivo per le persone a migrare la loro  navigazione sulle piattaforme anonimizzanti, è molto più probabile che sviluppi tecnologici legati al Dark Web migliorino la furtività delle reti oscure. In quanto tali, le forze dell'ordine e i responsabili politici possono mettere in dubbio il modo migliore per affrontare l'evoluzione della tecnologia con mezzi quali la crittografia e le sfide di attribuzione in un ambiente anonimo per combattere efficacemente soggetti criminali che sfruttano il cyberspazio, incluso il Dark Web.

Il punto chiave
Il Deep Web si riferisce a "una classe di contenuti su Internet che, per vari motivi tecnici, non è indicizzato dai motori di ricerca" e ciò lo rende inaccessibile tramite un motore di ricerca tradizionale. (Kristin Finklea)
_
Dopo aver eseguito la scansione del Web oscuro, Carlo Ratti e i suoi colleghi hanno scoperto che l'87% dei siti sul Dark Web non ha un singolo link verso un altro sito. (Jordan Pearson)
_
dark web
I am inexorably sucked into a parallel world.
Com'è profondo il Web: le sue stratificazioni
Fonte: Congressional Research Service (CRS)
Il Dark Web è oscuro quanto la mente umana. Nel Dark Web si trovano tutti gli "orrori" che la mente umana è in grado di pensare: dalla commissione di omicidi al traffico di armi e droghe; dalla pedofilia alle torture e al traffico di organi umani, e un catalogo infinito di perversioni da cui è meglio stare lontani...
Le stratificazioni del Web
Chi sono i componenti del Dark Web Intellettuale (IDW)?
Secondo un sito web (intellectualdark.website), la rete Intellectual Dark Web include:

  • Sam Harris, un neuro-scienziato, filosofo, ateo schietto e ospite di Podcast di Waking Up.
  • Jordan Peterson, uno psicologo clinico e autore che è venuto per la prima volta all'attenzione del pubblico nel Regno Unito quando la sua intervista a Cathy Newman di Channel 4 News sul divario retributivo di genere è diventata virale.
  • Ayaan Hirsi Ali, ex politica, attivista anti-islamista e attivista per i diritti delle donne di origine somala olandese-americana.
  • Maajid Nawaz, un ex islamista diventato attivista anti-estremismo e candidato parlamentare liberaldemocratico che ha fondato il Quilliam think tank.
  • Jonathan Haidt, uno psicologo sociale che ha fondato l'Accademia eterodossa per promuovere una cultura del campus che valorizzi la diversità dei punti di vista, la comprensione reciproca e il disaccordo costruttivo.
  • Joe Rogan, un comico e conduttore del Podcast di Joe Rogan Experience.
  • Heather Heying e suo marito Bret Weinstein, entrambi biologi evoluzionisti, divenuti "professori in esilio" dopo aver perso il lavoro universitario per essersi schierati contro i sostenitori di una Giornata dell'assenza in cui agli studenti bianchi veniva "chiesto" di rimanere fuori dal campus per 24 ore a Evergreen State College - un'iniziativa contro il razzismo che consideravano razzista.
  • Eric Weinstein, fratello maggiore di Bret, matematico ed economista.
  • Michael Shermer, scrittore di scienze e fondatore della Società degli scettici.
  • Steven Pinker, uno psicologo cognitivo di Harvard.
  • Ben Shapiro e Douglas Murray, il primo americano, il secondo inglese, entrambi commentatori conservatori.
  • Christina Hoff Sommers, filosofa, autrice e femminista nota per la sua critica spietata al femminismo contemporaneo.
  • Lindsay Shepherd, una studentessa canadese laureata e assistente di insegnamento che l'anno scorso si è trovata al centro di una controversia sulla libertà accademica alla Wilfrid Laurier University quando è stata censurata per aver riprodotto nella sua classe di comunicazione una registrazione di tre minuti di Jordan Peterson che discute dell'uso forzato del genere -pronomi neutri.  
  • Claire Lehmann, una scrittrice australiana che ha fondato Quillette, una rivista online intesa a fornire a non giornalisti, in particolare scienziati e studiosi (inclusi molti associati all'IDW), una piattaforma per le loro idee.
  • Dan Carlin, un commentatore politico e conduttore di diversi podcast inclusi "Common Sense", "Hardcore History" e "Hardcore History Addendum".
  • Dave Rubin, un commentatore politico e conduttore del Rapporto Rubin podcast.
  • Alice Dreger, bioetica e autrice nota per il suo lavoro sui temi dell'identità di genere.
  • James Damore, l'ex ingegnere di Google il cui famigerato promemoria sulle politiche di diversità dell'azienda (che affermava che mentre la discriminazione esiste, è estremo attribuire tutte le disparità all'oppressione e autoritario cercare di correggere tali disparità attraverso la discriminazione inversa) ha portato al suo licenziamento.
Negli USA esiste una rete di intellettuali pubblici, soprannominati "il dark web intellettuale" (IDW), che hanno acquisito una tale notorietà nell'ultimo anno circa che i loro podcast e le conversazioni su YouTube sono ora ascoltati da milioni di persone
Conclusioni (provvisorie): il Dark Web è oscuro quanto la mente umana
Si stima che il web di superficie (Surface Web), indicizzato dai motori di ricerca, sia compreso tra l'1 e il 5% dell'intero web. E' pur vero che la maggior parte delle ricerche possono essere soddisfatte dal Surface Web, ma occorre tener conto che, per particolari temi di ricerca potrebbe essere necessario accedere agli altri strati del web, infatti al di là del Surface Web esistono altri due strati: il Deep Web (web profondo) che contiene tutti quei contenuti privati (database accessibili con autenticazione) non indicizzati dai motori di ricerca, e il Dark Web (web oscuro) sfruttato sia per attività legali, sia per attività criminali. Nel Dark Web si trovano tutti gli "orrori" che la mente umana è in grado di pensare: dalla commissione di omicidi al traffico di armi e droghe; dalla pedofilia alle torture e al traffico di organi umani, e un catalogo infinito di perversioni da cui è meglio stare lontani...

La razionalità richiede impegno personale!
Iscriviti alla Newsletter di pensierocritico.eu per ricevere in anteprima nuovi contenuti e aggiornamenti:
Bibliografia (chi fa delle buone letture è meno manipolabile)


Commenti
Se ritenete che le tesi del "punto chiave" non vengano sufficientemente supportate dagli argomenti presenti in questa pagina potete esprimere il vostro parere (motivandolo).
Inviate una email con il FORM. Riceverete una risposta. Grazie della collaborazione.
Libri consigliati a chi è interessato a esplorare il web oscuro
Spesa annua pro capite in Italia per gioco d'azzardo 1.583 euro, per l'acquisto di libri 58,8 euro (fonte: l'Espresso 5/2/17)

Pagina aggiornata il 24 aprile 2021

creative commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5 Generico
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5 Generico
Torna ai contenuti